Analisi del colore come fenomeno percettivo

Chiunque, nella propria esperienza quotidiana, si imbatte in modo più o meno consapevole nell’azione delle molteplici variabili che intervengono nella percezione dei colori. L’esempio più tipico e comune è l’acquisto di un capo di abbigliamento che, all’interno del negozio, appare di un colore, mentre una volta usciti all’aperto risulta differente, lasciando spesso l’amaro in bocca all’ignaro acquirente. Dando per scontato che il negoziante non abbia sostituito di nascosto il prodotto, è evidente che la modifica avviene nel contesto percettivo.

 

 

Tuttavia, mentre nella maggior parte delle situazioni il consumatore finale alza le spalle e digerisce il boccone amaro, diverso è il caso di chi ha a che fare con il colore a livello professionale. Diventa infatti necessario conoscere in anticipo come la percezione di un colore può modificarsi a seconda delle condizioni di fruizione, in modo da riuscire a prevenire errori e risultati indesiderati.

 

Partendo da questa considerazione, NCS Colour Centre Italia, in collaborazione con Philips Lighting Academy, ha sviluppato un corso finalizzato ad una comprensione più profonda della complessità del fenomeno percettivo, attraverso la disamina delle variabili che la determinano. Il sistema cromatico NCS si pone in questo senso come un efficace strumento di analisi, documentazione e controllo e viene utilizzato come piattaforma di lavoro.

 

La prima edizione del corso si terrà lunedì 15 giugno 2009 presso la sede di Philips Spa a Monza.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico