Arriva l’ora solare: si, ma quanto risparmiamo spostando le lancette?

Anche quest’anno è giunta l’ora: nella notte tra domani e dopodomani (tra sabato 26 e domenica 27 ottobre) dobbiamo spostare gli orologi un’ora indietro. Voi direte: ma cosa c’entra questo con illuminotecnica.com? C’entra, c’entra: è tutto un discorso di risparmio energetico sulla bolletta elettrica. È l’uovo di Colombo, ma è un discorso interessante.

 

Da domani notte salutiamo l’arrivo dell’ora solare e diciamo addio per quest’anno all’ora legale, che in primavera e in estate ci ha permesso di godere di più della luce diurna, e di risparmiare energia elettrica e gas. Il risparmio energetico, infatti, è la ragione principale per cui spostiamo le lancetta all’arrivo della stagione fredda, e all’arrivo della primavera. Nella bella stagione vige il sole sorge molto presto e senza l’orario estivo, tanta luce naturale andrebbe sprecata. L’ora legale, al contrario, permette di ritardare l’alba e di godere di un’ora di luce in più di sera.

 

Secondo Terna, nel 2013 l’ora legale ha permesso un risparmio dei consumi di energia elettrica di 543,8 milioni di kilowattora. Al cliente finale un kilowattora costa in media circa 16,6 centesimi di euro al netto delle imposte: in Italia abbiamo così risparmiato circa 102 milioni di euro.
La cifra cresce sul lungo periodo: tra il 2004 e il 2012, il risparmio complessivo è stato di quasi 6 miliardi di kilowattora, 900 milioni di euro.

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico