Bellaria: sistema di purificazione dell’aria e lampada ad alta efficienza

Un ambiente sano si riconosce dalla qualità dell’aria che respiriamo. Infatti, l’inquinamento atmosferico degli spazi chiusi, sia che si tratti di abitazioni private, luoghi di lavoro o dedicati alla collettività, può rappresentare una minaccia davvero insidiosa per il benessere della nostra salute. Basti pensare all’uso quotidiano e talvolta intensivo di prodotti chimici per la pulizia, o ai componenti nocivi che hanno origine da impianti di riscaldamento, condizionamento o addirittura dagli elettrodomestici stessi.

Per far fronte a questo problema, Falmec ha ideato nel 2016 Bellaria, un innovativo sistema di purificazione dell’aria disegnato da Marco Zito, che elimina odori sgradevoli e sostanze potenzialmente dannose per l’organismo.

Il suo processo di ionizzazione attiva deriva dall’esperienza ereditata dalle cappe Falmec dotate di tecnologia E.ion® System: Bellaria è in grado di riportare negli spazi indoor l’equilibrio ionico presente nell’atmosfera, assicurando una riduzione dell’85% della carica batterica e del 71% della carica micotica, normalmente presenti nell’ambiente.

Il processo di sanificazione dell’aria viene visualizzato da un indicatore luminoso a forma di foglia, il cui cambio di colorazione dal giallo al verde testimonia il progressivo miglioramento delle condizioni ambientali. Inoltre, coerentemente con i principi della luminoterapia, offre la possibilità di regolare l’intensità della luce emessa.

Bellaria è un vero e proprio complemento d’arredo versatile, disponibile nei colori bianco, rosso, giallo e grigio, che si inserisce facilmente in una zona living o in ufficio. La sua struttura è realizzata in vetro di Murano lavorato a mano secondo la tradizione dei maestri veneziani. E’ dotata di un sistema LED dimmerabile, che aggiunge alla funzione di purificatore quella di lampada d’ambiente ad alta efficienza per garantire l’atmosfera perfetta in casa.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *