Ccnl Elettrici 2013-2015, chiusa la trattativa per il rinnovo

Raggiunta l’intesa tra le parti datoriali per quanto riguarda il rinnovo del Ccnl Elettrici 2013-2015, che coinvolge le imprese del settore energetico e dunque anche elettrico. L’intesa era necessaria per la ristrutturazione di un settore in una fase di crisi grave del Paese: il settore energia è un settore chiave per avviare la ripresa e per risollevare l’occupazione. A proposito di lavoro, importanti decisioni sono state prese in merito all’apprendistato, all’aumento dei minimi e alla flessibilità.

 

Chiusa la trattativa per il rinnovo del Ccnl Elettrici 2013-2015 tra le parti datoriali (Federutility, Assoelettrica, Enel, Terna, Gse e Sogin) e le OO.SS. sindacali (Filctem-CGIL, Flaei-CISL, Uiltec-UIL). Le parti hanno raggiunto un’importante intesa sul tema delle relazioni sindacali per affrontare una fase di crisi e ristrutturazione del settore.

 

“Lo sviluppo delle imprese dell’energia è una esigenza per la ripresa economica di tutto il Paese e la giusta risposta al sostegno all’occupazione” ha affermato a commento il Direttore Generale di Federutility (federazione delle aziende del comparto energetico e idrico), Adolfo Spaziani.

 

Un’importante intesa è stata raggiunta anche sul tema dell’esercizio del diritto di sciopero, intesa che accanto ad un rafforzamento delle garanzie nei confronti degli utenti del sistema, ha previsto un’inedita modalità di comunicazione sulle ragioni che portano all’eventuale conflitto.
Per quanto riguarda il mercato del lavoro, si è data attuazione alla disciplina sull’apprendistato come modalità preferita di ingresso nelle imprese del comparto
La parte economica prevede un aumento dei minimi pari a 160 euro a regime, con l’ultima tranche del 1° dicembre 2015, e tiene conto degli andamenti inflattivi e produttivi del settore. Una parte delle risorse individuate dall’accordo nazionale saranno vincolate al raggiungimento di accordi aziendali di produttività e redditività.

 

Sui temi della flessibilità e dell’organizzazione dei regimi di orario, le Parti si sono impegnate ad avviare un negoziato a livello aziendale per convenire misure in grado di realizzare – accanto alla tutela del fattore lavoro – la soluzione dei problemi organizzativi e gestionali delle imprese investite da una profonda crisi, secondo le previsioni degli accordi interconfederali.


Positivo il giudizio di Federutility, che auspica un rapido avvio delle negoziazioni a livello di impresa  per recuperare produttività e redditività, per superare la crisi e garantire un adeguato  livello di investimenti, di cui il settore ha bisogno.

 

Il nuovo Ccnl Elettrici si applicherà ai circa 60.000 addetti del settore. Sono 64 le imprese associate a Federutility che applicano questo contratto, con circa 11.000 addetti.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Un commento su “Ccnl Elettrici 2013-2015, chiusa la trattativa per il rinnovo

  1. Salve a tutti, vi chiederei un parree su un contratto che mi e8 stato proposto.Dovrei occuparmi della gestione di un sito di e-commerce per un negozio, inserendo tutti gli articoli, con relative schede tecniche, immagini eccetera, inviare newsletter e preparare banner.Oltre a questo dovrei, per alcune mezze giornate, stare in negozio e coadiuvare la parte amministrativa (fatture, spedizioni eccetera) ed occuparmi, in alcuni momenti, della completa gestione di tutto, dalle telefonate agli ordini, passando ovviamente per la gestione dei clienti (mostrare i prodotti, rispondere a domande eccetera).Infine, dovrei scrivere articoli tecnici da inserire poi su siti specializzati, in modo da pubblicizzare la merce (il negozio tratta elettronica) ed il negozio stesso.Come stipendio mi hanno proposto 850 al mese, non sono un po’ pochi? Mi verrebbero richieste molte mansioni (alcune anche piuttosto qualificate, come gli articoli o la dimostrazioni di alcuni prodotti), affidate diverse responsabilite0 (avrei la completa gestione del negozio, e rimarrei completamente da solo, in alcuni momenti) e con un carico di lavoro molto importante (il sito internet conta migliaia di articoli, tenerlo aggiornato e8 gie0 un lavoro impegnativo), per 38 ore settimanali.Secondo voi e8 un compenso giusto, e come dovrei essere inquadrato (io temo che il livello sia bassissimo, vista la paga).Ringrazio anticipatamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico