Il classic blue secondo Italamp. Dalì e Collier nel colore dell’anno

Italamp presenta le versioni nel colore dell’anno, Classic Blue, di Dalì e Collier, entrambe le lampade fanno parte della collezione Incanto.

Dalì

Emergono da una dimensione onirica le lampade a sospensione Dalì che sin dal nome esplicitano una vera e propria dichiarazione di intenti.

È infatti quello dell’artista spagnolo l’immaginario a cui hanno attinto i due designer, Paolo Nava e Luca Arosio, nel tratteggiare le linee flessuose di queste lampade in vetro termoformato.

Come nell’arte di Salvador Dalì, il surreale fa breccia nel reale, modificando la natura stessa degli oggetti più familiari. Così il vetro diventa “molle”, come i celebri orologi, e sovrapposto in più strati conferisce alla lampada l’impalpabile leggerezza del velo, quasi rievocando il familiare ricordo dei panni stesi ad asciugare al sole.

La luce scaturisce dalla fonte luminosa a LED inserita nelle scanalature del supporto in metallo della lampada, la cui struttura arcuata ricorda quella di una collana. Progettata unicamente nella versione a sospensione, Dalì è disponibile nei colori verde, ametista, bluino e grigio.

Collier

Evoluzione della lampada/gioiello firmata Marc Sadler, Collier viene proposta in una nuova versione da tavolo.

Anche in questa nuova declinazione, caratterizzanti sono gli eleganti elementi in vetro soffiato che, nella versione originale, erano inseriti in fili di metallo cromato a comporre una sorta di collana. Ora invece ogni elemento è valorizzato nella propria unicità: aumentano le dimensioni della singola “goccia” e, grazie all’aggiunta di una base in marmo, diventano eleganti totem in vetro luminoso dalle forme e dai colori diversi.

Anche nella versione da tavolo, Collier è infatti disponibile in un ampio spettro di sfaccettature e sfumature che si abbinano a due tipologie di marmo: bianco Calacatta o nero Marquina.

In questa nuova veste, Collier è disponibile anche nella versione a parete.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *