Come posizionare correttamente i punti luce

Quando ci si trova alle prese con un intervento di ristrutturazione, più o meno radicale, all’interno del proprio appartamento, una delle principali scelte da effettuare è certamente legata alla disposizione dei punti luce. Ma in che modo ci si può approcciare correttamente a questa fase di progettazione considerato che da questa scelta dipende una corretta illuminazione delle proprie stanze e, ulteriormente, il proprio comfort abitativo e quello delle persone che verranno a trovarci?

Non avere fretta

In primo luogo, abbiate cura di… non avere alcuna fretta. Prendetevi qualche giorno per poter effettuare le giuste scelte, osservando le dimensioni di ogni stanza, l’esatta collocazione dei mobili, il colore delle pareti, e così via. Procedete pertanto nel realizzare una vera e propria panoramica della situazione nella quale vi troverete ad operare, tenendo ad esempio in considerazione che, come intuibile, stanze più ampie richiederanno maggiori sforzi energetici. O ancora, che pareti chiare e neutre come il bianco o il crema, tenderanno a riflettere maggiormente la luce rispetto a pareti scure come grigio e blu.

Concentrarsi stanza per stanza

Superato questo piccolo scoglio, concentratevi stanza per stanza, procedendo per zone nella vostra attività di progettazione dei punti luce. Scegliete diverse tipologie di fonti di illuminazione, da disporre a varie altezze, in maniera tale da riservarvi una diffusione uniforme: i lampadari potrebbero essere perfetti per dare maggiore luminosità alla parte centrale della stanza, ma se il soffitto è basso sarebbe meglio adottare delle plafoniere e o delle applique laterali.

Orientare la luminosità

Inoltre, cercate sempre di orientare la luminosità verso le zone della casa che richiedono maggiore valorizzazione… compreso il soffitto! Se per esempio potete disporre di una bella volta in pietra o in legno, potrebbe essere utile utilizzare dei faretti che possano dare il giusto merito a questi elementi naturali.

Un’illuminazione specifica per ogni ambiente

Infine, abbiate l’accortezza di effettuare delle scelte ponderate sulla base della stanza nella quale andrete ad operare. Per esempio, in cucina sarà necessaria una luce diretta sul piano di lavoro e in corrispondenza del tavolo. Nel salotto, stanza dedicata al relax e alla conversazione, meglio puntare su una illuminazione più soffusa. In camera da letto, oltre ai punti luce a soffitto, abbiate l’accortezza di predisporre delle piantane e dei punti luce da lampada sul comodino.

Via libera alla creatività!

Una volta che avrete effettuato questo studio preliminare, potete passare alla parte più creativa e divertente: scegliere i lampadari più utili per poter arrivare alle proprie esigenze più funzionali, nel rispetto della propria creatività e del contesto di riferimento. Nel compiere questi importanti processi di selezione – ribadiamo quanto abbiamo già accennato qualche riga fa… non abbiate alcuna fretta! Si tratta infatti di una scelta che potrà condizionare nel tempo il comfort abitativo del vostro appartamento, e che potrebbe essere altresì opportuno compiere insieme ad un consulente esperto, che possa permettervi di arrivare a un buon risultato desiderato senza compiere degli inconsapevoli errori superficiali.

Un consiglio importante

Vi consigliamo infine di rivolgere la vostra attenzione all’acquisto di lampadari e complementi di illuminazione solo nei confronti di portali qualificati, che possano permettervi di accedere alle migliori marche, con la più ampia e completa gamma di alternative, come https://www.lampadarilucedesign.it.

 

https://www.lampadarilucedesign.it/it/pag/catalogo-8

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *