Design delle lampade, tutte le novità sul mercato

Il design delle lampade non va in vacanza, anzi. In questi mesi così luminosi ci sono arrivate una serie di suggerimenti quasi a ricordarci che prima o poi arriverà l’inverno, quando la luce solare si farà desiderare e un ambiente piacevolmente illuminato diventerà un suo valido sostituto. Sappiamo bene infatti che la cosiddetta sindrome SAD, ovvero la depressione causata dalla carenza di luce solare, si cura con una buona dose di luce brillante e se non c’è quella solare va benissimo quella artificiale. Questo non significa però che per godersi la luce di una lampada bisogna per forza stare in un ambiente chiuso o che un corpo illuminante non debba avere una sua valenza estetica ma limitarsi a fare luce. Il fascino di una lampada è proprio questa sua doppia natura, funzionale e decorativa, anche se a volte una prevale sull’altra.

 

di Clara Lovisetti

 

Ispirarsi alla natura
Se pensiamo a un oggetto lampada come un elemento di arredo, già altre volte avevamo rilevato come le forme della natura siano una delle fonti di ispirazione più gettonate e inesauribili, anche in modi inaspettati. Iniziamo da Stilla, disegnata da Manuel Vivan per Axo Light, una serie di lampade la cui forma ricorda quella di una goccia che sta per cadere, colta nella fase in cui resta sospesa nell’aria allungandosi. In fusione di alluminio verniciato nero opaco, monta High Power Led e viene proposta in versione lampada da soffitto o da parete, singola o a grappolo. Stilla fa parte della collezione Mind-Led a voler significare la fusione di tecnico e poetico, di forma e funzione, di prestazione ed emozione.
Giulia Degli Alberti invece declina il classico motivo vegetale della foglia nella lampada Leaves di Alt Lucialternative, azienda del gruppo Firme di Vetro. Il principio compositivo di questo corpo illuminante, di grande effetto visivo, è una montatura elicoidale sulla quale, come in una pianta rampicante, spuntano foglie di acrilico martellato nelle brillanti tonalità del rosso, del verde, dell’arancione e del marrone. Il diffusore così risulta leggero e arioso, mentre luci, riflessi e ombre colorate creano un festoso effetto di movimento. Le quattro diverse grandezze delle montature, componibili secondo le necessità, permettono di adattare questa lampada anche a spazi di grandi dimensioni.

 

Un raffinato e candido bocciolo di vetro bianco, dal lungo gambo sottile, che si illumina di luce propria. Questa è la sospensione Nia, disegnata da R. Paoli per Murano Due, sempre del gruppo Firme di Vetro, dove è la materia stessa ad essere luminosa e non a brillare di luce proiettata. Il risultato è una sottile cascata che si illumina e riflette, componibile all’infinito per creare suggestive scenografie di luce.
Vetro di Murano abbinato alle sorgenti di luce Led, un binomio di sicuro effetto proprio come nel caso di Anais Mela, di Voltolina, una lampada da tavolo che grazie alla tecnologia Led multicolore si accende, si spegne e cambia colore con un semplice gesto, basta toccarla lievemente. Si alimenta attraverso una normale presa elettrica o oppure si può connettere tramite una porta USB a un qualsiasi personal computer, diventando così una compagna che ci può seguire ovunque. La luce colorata soffusa e il design elegante fanno di Anais Mela una soluzione per rallegrare l’ambiente di lavoro, per conciliare le ore di studio e persino tenere compagnia durante la notte con la sua luce colorata dinamica oppure fissa nella tonalità impostata a scelta. Anche quando è spenta poi non perde il suo appeal, con il suo corpo bianco latte e la  foglia verde stilizzata.
Si ispira alla geometria cellulare dei favi la lampada Honeycomb di Luceplan. Infatti, come le cellette in cui le api depongono il miele, i moduli esagonali di questa lampada si possono unire a piacere per creare una sospensione dall’accattivante simmetri organica. Gli esagoni, assemblati mediante clip, danno vita così a una struttura autoportante dentro la quale sono alloggiate luci Led o piccole alogene.
Infine un’altra incursione nel regno animale con l’ironica e ludica Yahoo di Karman, disegnata da Matteo Ugolini, un oggetto pensato per coloro che non hanno perso la voglia di giocare e vogliono farlo con la luce. Una semplice struttura in metallo e un paralume in lino bianco e via in sella alla luce, a cavallo della fantasia.

 

Forme e geometrie luminose
L’avvento di sorgenti luminose come i Led ha reso davvero possibile disegnare con la luce, come nel caso dell’apparecchio a incasso Slit di Simes. Pensato per progetti architetturali dal concept innovativo, questo corpo illuminante è dotato di cover asimmetriche o simmetriche in grado di creare effetti di luce diversi, ma con una distribuzione luminosa sempre uniforme ed omogenea su tutta la lunghezza dell’apparecchio e a terra. Realizzato in alluminio estruso anodizzato o bianco verniciato e ingegnerizzato con Led di ultima generazione ad elevato risparmio energetico, rappresenta un sistema dalla grande versatilità d’impiego, ideale per muovere prospetti, articolare superfici o ritmare murature, proponendosi come vero e proprio elemento architettonico, dal segno deciso e dal carattere forte.
Un solo Power Led da 1W per il piccolo Ledflex di Side, una lampada dal design minimalista, orientabile e snodabile in tutte le direzioni, adatta sia di fianco al comodino per la lettura notturna che in ambienti di lavoro o in salotto.
Lampada o ciotola? Bole, disegnata da Enzo Berti per Torremato, è una singolare e versatile collezione di lampade per esterni in ghisa e ferro costituita da un monoblocco cilindrico che all’estremità può alloggiare vasi di piante e fiori, che si possono curare, annaffiare e far crescere senza alcun problema. Ponte fra estetica e funzione, Bole ha una forte e intrinseca personalità che si esprime nelle forme rigorose del cilindro e nel carattere deciso dei materiali, per creare suggestivi landscape luminosi.

 

Il Red Dot Award Product Design è uno dei più prestigiosi e noti premi nel mondo del design. Viene assegnato da una giuria internazionale composta da famosi progettisti ed esperti del settore, dopo una attenta valutazione della conformità ai parametri altamente selettivi previsti dal concorso. Quest’anno fra i vincitori del “Best of the Best”, ulteriore riconoscimento assegnato ai prodotti più innovativi e significativi nel design, la collezione di lampade Moon per esterni disegnata da Olle Lundberg per Platek Light. Disponibile nelle versioni applique e paletto, quest’ultima realizzata in tre diverse altezze, utilizza  sorgenti luminose a Led integrate nel corpo in alluminio della lampada, in modo da evitare possibili problematiche di abbagliamento.
Pratici e innovativi, anche Cuby e Raystar di Osram sono stati fra i vincitori di un Red Dot Award 2012. Utilizzabili come lampada da lettura o luce portatile, questi nuovi apparecchi sono una soluzione ideale anche per il tempo libero, lo sport e il viaggio. Il corpo infatti è rivestito di silicone gommato, resistente allo sporco e agli urti, oltre che piacevole al tatto e di facile presa. Luminosi e durevoli, sono alimentati da batterie ricaricabili tramite interfaccia USB utilizzando il cavo in dotazione, da collegare a un PC o a un notebook.
Per soluzioni di arredamento eleganti ecco invece Forme di AV Mazzega, dalla serie Design della collezione Moderni. Realizzata in verro soffiato lavorato a mano, con struttura in metallo cromato o verniciato bianco, è disponibile nella versione sospensione, tavolo e soffitto, in varie misure e colori.
Di Roberto Giacomucci per Marchetti Illuminazione, la sospensione Trilogy è un suggestivo oggetto dal design contemporaneo che declina un materiale classico come il cristallo in una forma intrigante e moderna.
Lo stesso designer è l’autore anche della serie Genius di Ultraluce, un sistema articolato di lampade a sospensione, soffitto parete e pavimento caratterizzato da un elemento illuminante T5 sul quale è tesa una lamina di materiale metallico in una inedita versione di colore bianco, ottenendo un sottile arco di luce adatto a qualsiasi contesto abitativo o di ufficio.

 

Nell’immagine di apertura lampada a incasso Slit, Simes

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico