Due sculture in acciaio inossidabile, oro e cristalli illuminate a LED

Il drago è un animale fantastico molto importante nella mitologia cinese. Può allontanare gli spiriti maligni ed è simbolo di saggezza, fortuna, potere. Spesso, nell’iconografia, i draghi vengono rappresentati mentre giocano con una perla fiammeggiante – simbolo di energia spirituale, prosperità e immortalità – che, secondo la leggenda, gli permette di elevarsi al cielo.

Lasvit ha interpretato questa scena mitologica sotto forma di maestoso gioiello che decora la hall dell’Imperial Pacific Casino dell’isola di Saipan.

Il progetto è stato realizzato grazie alla maestria artigianale sia nella lavorazione del vetro che dei metalli, per realizzare questo progetto sono stati necessari più di tre anni di lavoro. L’installazione della grande scultura luminosa è stata a sua volta molto impegnativa per una serie di motivi: da un punto di vista prettamente strutturale – vista la grandezza della composizione – si è dovuto tener conto della sua presenza durante la progettazione dell’edificio stesso, osservando il rigido protocollo antisismico che vige a Saipan. I draghi sono costituiti da una struttura a traliccio in acciaio inossidabile che ne costituisce lo scheletro e si snoda lungo la sua ossatura.

Milioni di cristalli illuminati a LED

Per ricoprire interamente il corpo dei draghi sono stati realizzate 13.000 squame dalla struttura in acciaio inossidabile intessute di preziosi cristalli. Per l’intera realizzazione Lasvit ha impiegato circa 2,5 milioni di cristalli Swarovsky, ciascuno dei quali e stato equipaggiato di un chip LED RGBW: il risultato e una struttura interattiva che rende il corpo del drago un vero e proprio schermo gigante.

Ogni sorgente luminosa ha quattro cromie – rosso, verde, blu e bianco – che. possono essere controllate da remoto cosi come i livelli di intensita. Mentre i chip a LED illuminano il corpo, i faretti a LED illuminano le parti speciali, come la spina dorsale o la lingua di ciascun drago.

La luce quindi viaggiaattraverso il drago dalla testa alla coda dando vita ad uno spettacolo sempre differente.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *