Energia elettrica da fonti rinnovabili, il legislatore non può imporre un limite di produzione

Il legislatore nazionale non può porre un limite alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, poiché il limite si porrebbe in contrasto con la normativa europea.

 

Lo ha deciso il Consiglio di Stato con la sentenza 4768 del 10 settembre 2012, ha disposto che non dovrà essere applicato l’art. 3 della legge regionale della Regione Basilicata n. 9/2007, dove si pone un limite massimo alla produzione di energia elettrica da fonte eolica. La vicenda da cui è scaturita la risposta del Consiglio di Stato riguarda una società che nel 2004 ha chiesto alla Regione Basilicata l’autorizzazione unica (ai sensi dell’art. 12 del D. Lgs. n. 387/03) per la realizzazione e l’esercizio di un impianto di energia elettrica da fonte eolica da 28 MW. La Giunta ha negato l’autorizzazione, richiamando quanto disposto all’art. 3 della legge regionale n. 9/2007, in base al quale è previsto il diniego di autorizzazione per gli impianti che non rientrano nei limiti stabiliti dal Piano energetico regionale del 2001, limiti fissati per l’energia di fonte eolica in 128 MW complessivi per il periodo 2001-2010.

 

I giudici del Consiglio di Stato richiamano la normativa internazionale (vale a dire il Protocollo di Kyoto) e comunitaria (l’art. 3, direttiva 2001/77/CE) per dimostrare che la normativa della Regione Basilicata “porta innegabilmente alla chiusura del mercato della produzione di energia eolica”, ledendo “importanti e basilari principi caratterizzanti gli ordinamenti europeo e italiano”. “Si deve escludere che il legislatore nazionale, statale o regionale che sia, possa introdurre un limite massimo alla produzione di energia elettrica rinnovabile, poiché tale limite si dimostra in contrasto radicale con il favor della normativa europea, laddove questa fissa limiti minimi e rivede in generale riduzione degli ostacoli normativi all’aumento della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili” (estratto dalla sentenza).

 

A proposito della direttiva 2001/77/CE: essa prevede che la produzione di energia da fonti rinnovabili debba avvenire in regime di libero mercato concorrenziale, senza la previsione di limiti. La successiva direttiva 2009/28/CE (che ha sostituito la 2001/77/CE), pur essendo successiva alla legge regionale di cui il provvedimento impugnato è l’applicazione, ha carattere ancor più cogente e si pone in antitesi totale e definitiva con la fissazione di limiti massimi di produzione di energia elettrica di fonte eolica, fissazione di limiti massimi posta senza nemmeno una perentoria scadenza e oggetto di ulteriori rinvii, di seguito posti nel nulla dalla Corte Costituzionale (cfr. sentenza 3 marzo 2011 n. 67).

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico