Illuminare “Il Cielo”

Produrre qualità sostenibile, per iGuzzini, significa applicare gli stessi criteri adottati per progettare l’uso efficace della luce, anche nei luoghi della produzione stessa.
L’azienda mantiene un costante dialogo diretto con il progettista per arrivare a definire progetti che ripensino la natura dell’edificio e che si integrino con il territorio e con la vita, che interagiscano con l’ambiente e che siano addirittura motori di energie, con un’attenzione particolare alla protezione ambientale.
iGuzzini promuove l’incontro tra architettura e nuove tecnologie in chiave ecosostenibile, favorendo così la comunione tra ambiente naturale e paesaggio costruito. Nuovi materiali e nuove tecniche diventano protagonisti per garantire l’autoproduzione energetica, la biodegradabilità, la riciclabilità, il bioclima.

 

In questa direzione si pongono le sue nuove sedi estere di Barcellona e di Guildford.
“L’edificio che abbiamo battezzato Il Cielo iGuzzini non apparterrà alla terra nella quale si trova. Come se si trattasse di una mongolfiera, cercherà di scappare da questo mondo, cercando un nuovo cielo. Descriverà le condizioni della luce, naturale e artificiale, si riferirà alle sue origini, riconoscendo un ordine geometrico, ma prima di tutto vorrà parlarci di aspirazioni”.
Queste sono le parole con cui l’architetto Josep Miàs, vincitore del prestigioso Premio Ciutat de Barcelona 2007 per l’architettura e l’urbanistica, descrive la singolare architettura che darà forma alla nuova sede iGuzzini di Barcellona, a Sant Cugat del Vallès, esempio di architettura sostenibile in cui l’aspetto più rilevante è l’interpretazione che l’edificio dà al tema della luce.
La sede è una sfera deformata di cristallo, in cui gli uffici sono ospitati su quattro livelli, sospesa su un unico pilastro baricentrico che nasce nel patio centrale dell’edificio, come se la struttura galleggiasse: oltre 6.500 mq per ospitare gli uffici, il magazzino e lo showroom open air, uno spazio flessibile e unico nel suo genere, dedicato alla realizzazione di scenografie e di prove di illuminazione per esterno.
La geometria sferica è stata pensata per illuminarsi di notte in diverse modalità a seconda dell’evento, mentre di giorno sarà protetta dal sole con l’utilizzo di vetri ad alte prestazioni che rispondono a uno studio approfondito delle sollecitazioni di irraggiamento. Con questo studio, sviluppato con i più avanzati programmi informatici del settore, si sono definite le caratteristiche di ogni modulo di vetro a seconda della posizione occupata sulla pelle dell’edificio e rispetto al sole.
Uno speciale scudo solare in pannelli di alluminio deployé avvolge la superficie vetrata in direzione sud, in modo da permettere l’entrata della luce in inverno e proteggere dall’irraggiamento diretto in estate, garantendo in questo modo il miglior comfort possibile e un significativo risparmio energetico in quanto a controllo climatico all’interno degli uffici.
Il grande patio centrale che collega verticalmente tutti i piani dell’edificio, garantendo luce naturale anche nei sotterranei, è caratterizzato, inoltre, dalla formazione di un microclima naturale che funziona come riserva di aria calda d’inverno e come pozzo di ventilazione d’estate.

 

Per informazioni: www.iguzzini.com

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico