Illuminazione a Led. Progetto Luce Ecosostenibile: il primo vincitore del concorso Simes

Lo scorso 31 gennaio si è svolta a Milano la premiazione del concorso di design “Progetto Luce Ecosostenibile” indetto da Simes per le applicazioni con sorgenti di luce Led, un’iniziativa rivolta a progettisti e studenti italiani il cui briefing richiedeva la realizzazione di un progetto illuminotecnico dove almeno il 75% degli apparecchi dovevano essere di produzione Simes con Led. 

 

di Clara Lovisetti

 

Tre le categorie previste, un progetto realizzato da un team indipendente, uno fra quelli commissionati alla stessa Simes e uno di uno studente iscritto a corsi di Laurea di I° livello (Laurea di base) e di II° livello (Laurea Magistrale) delle Facoltà di Architettura, Design (o Disegno Industriale) e Ingegneria di un ateneo italiano.
La giuria (presieduta dal Prof. Arch. Gianni Forcolini e composta dal Dott. Claudio Bini, dall’Ing. Gianni Drisaldi, dal Prof. Lorenzo Fellin e dall’Ing. Arch. Giuliano Venturelli) ha proclamato vincitore per la prima delle tre categorie il progetto degli esterni della nuova sede di Ceramiche Refin, a Casalgrande, progettato da un team composto da Simone Testi, Enrico Mussini e Achille Mucci ed eseguito dalla R.B. impianti.
Nella seconda categoria il premio è andato a Leo Forte della Parsec per il progetto della Barricaia dell Cantine Donna Olimpia 1898 a Bolgheri.
Infine il premio per lo studente è stato vinto da Gabriele Mura per la tesi di laurea dal titolo “Via Domus Aurea. Roma”, uno studio di riqualificazione illuminotecnica della zona esterna del sito archeologico.

 

Prossimamente su Illuminotecnica.com, i progetti vincitori della seconda e della terza categoria. Ora, vediamo da vicino il vincitore della prima categoria.

 

Ecosostenibilità anche nelle luci: il progetto per Ceramiche Refin
Ceramiche Refin è un’azienda del Gruppo Concorde, presente sin dal 1962 nel mercato ceramico con soluzioni in grés porcellanato per abitazioni private e progettazione in generale, Refin è costantemente impegnata in rilevanti investimenti per mantenere sempre all’avanguardia le proprie strutture produttive e istituzionali. Di recente compimento è il progetto di riorganizzazione e ampliamento dell’area industriale di Salvaterra di Casalgrande, in provincia di Reggio Emilia, comprendente la nuova sede istituzionale, costruita secondo criteri di ecosostenibilità.
All’interno della revisione complessiva dell’area industriale Refin è stata inserita anche la nuova sede uffici, che si sviluppa su tre piani dove gli ambienti operativi di lavoro e le aree espositive e di rappresentanza sono ben integrate tra di loro. Una hall al centro dei tre piani, posta su un livello sfalsato e complanare con l’esterno, diventa fulcro di tale integrazione, individuando relazioni e stimolando rapporti.
La superficie complessiva del progetto conta 2813 mq, di cui 400 mq adibiti a sala espositiva. L’illuminazione dell’area esterna utilizza esclusivamente apparecchi a Led, con un dispendio elettrico di appena 2250 W, posti ad illuminare tutte le aree di sosta interne adiacenti all’edificio, i camminamenti pedonali e l’edificio stesso. Il consumo elettrico della nuova sede è completamente soddisfatto da pannelli fotovoltaici posti a rivestimento del nuovo magazzino coperto, di 15.000 mq, affiancato alla palazzina degli uffici.

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico