Illuminazione e innovazione, il marciapiede fotovoltaico auto-illuminante

L’idea arriva dalla Germania, da uno studente di tecnologia dell’Istituto di studi superiori di ZwicKau, Tommy Müller, che ha ideato una pavimentazione stradale formata da lastre quadrate di vetro infrangibile (30 centimetri di lato, spessore 1 centimetro) provviste di lampadine alimentate a energia solare.
Grazie alle speciali cellule fotoelettriche i blocchi si illuminano quando arriva il buio, creando così un vero e proprio sentiero luminoso. L’invenzione potrebbe rappresentare una soluzione innovativa in tema di illuminazione stradale, in grado di ridurre i consumi energetici e l’inquinamento luminoso.

 

Ecodallecitta.it ha chiesto subito un parere a Diego Bonata, ingegnere aerospaziale ed esperto di inquinamento luminoso, che ha dichiarato: “Questa soluzione rischia di essere abbagliante e potrebbe anche essere fuori legge dal punto di vista dell’inquinamento luminoso se usata in modo da superare i limiti normativi”. Il motivo delle difficoltà che questa innovazione potrebbe incontrare sta nel fatto che le norme di settore richiedono valori specifici di luce emessa, valori che non verrebbero di certo rispettatti con sistemi di questo tipo, soprattutto perché fotovoltaici.
Altro punto critico secondo Bonata sta nel fatto che il fotovoltaico è a pieno regime di giorno, nel periodo estivo, l’illuminazione pubblica serve invece soprattutto di notte, d’inverno.

 

Il marciapiede auto-illuminante potrebbe essere però un buon sistema per piccole superfici, per il giardino di casa o per piccole attività commerciali, piccole aree pedonali.

 

Immagine di apertura, fonte: www.ecodallecitta.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico