Illuminazione pubblica, a Bologna parte il piano per il risparmio energetico

Il comune di Bologna ha annunciato l’avvio di un progetto di restyling dell’illuminazione pubblica. È prevista, oltre alla sostituzione delle lampade che consumano di più con dispositivi più efficienti, l’installazione di regolatori di flusso per controllare e modificare l’intensità luminosa dei lampioni. Il progetto parte da un accordo di 9 anni con Enel Sole, accordo che, oltre alla fornitura di energia elettrica, prevede, da parte della stessa Enel Sole, la sostituzione di:
– 45.000 punti luce;
– di 5.000 lanterne semaforiche
;
– circa 900 km di linee elettriche per alimentazione dei lampioni.

 

In totale, l’intervento dovrebbe consentire un risparmio energetico di circa il 40%, passando dagli attuali 30 milioni di kilowattora annui a circa 18 milioni di kwh. In termini di emissioni di gas serra, si prevede un risparmio quantificabile in 8.900 tonnellate di CO2 all’anno, pari alle emissioni di un autobus che percorre 336 volte il giro della Terra e all’assorbimento annuo di 193.500 alberi.

 

I primi lavori partiranno in via Carracci e al parco Parker-Lennon e dovrebbero concludersi entro la fine dell’anno.

 

Il Comune di Bologna prevede di tagliare la spesa per l’illuminazione pubblica di 480.000 euro l’anno, a fronte di un contratto con Enel Sole da circa 65 milioni. Altri 7 milioni saranno investiti per gli interventi di manutenzione straordinaria.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico