Illuminazione pubblica, i lampioni si accendono con un sms

La necessità di risparmiare energia scende in strada, dove le idee di lampioni intelligenti cominciano a farsi più d’una. Dolo la cittadina tedesca di Dorentrup, dove i lampioni che si accendono on demand, ora anche Lemgo, paese nel nord, sempre della Germania, ha adottato l’innovativa soluzione per illuminare le proprie strade.

 

La città di Dorentrup aumenta di anno in anno il numero delle vie illuminate on demand.
L’inventore è Dieter Grote, abitante di Dorentrup, che ha escogitato il sistema di accensione dei lampioni stradali attraverso l’invio di un sms, al costo di 50 centesimi di euro (l’utente paga per la telefonata mentre il Comune per l’energia elettrica fornita).

 

Come funziona?
Il messaggio viene inviato a un computer centrale in grado di organizzare le informazioni. Grazie a un accordo con il Comune, si è stabilito che la strada indicata nel messaggio venga accesa per 15 minuti, il tempo necessario a percorrerla, poi si spegne automaticamente. Le strade controllate con questo sistema sono contrassegnate con un numero sui lampioni. Dopo aver registrato il proprio numero di telefono sul sito di Dial4Light, i residenti possono immediatamente utilizzare il sistema. Grazie alla tecnologia di riconoscimento vocale basta dire al telefono il numero assegnato alla strada di interesse e i lampioni si accendono.

 

In un anno risparmiati 70.000 euro
Dopo un anno di test, a Lemgo è stato raggiunto un risparmio di elettricità di 70.000 euro. Il servizio, erogato con il marchio Dial4Light (che cerca partner in tutto il mondo per diffondere il progetto), è stato adottato anche a Rahden, nel Nord Reno-Westfalia. In ogni comune le strade in cui realizzare questo progetto saranno scelte in base alle richieste dei cittadini, che potranno dire la loro anche in merito alla durata del servizio e al relativo costo.

 

Fonte: ilsostenibile.it

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico