L’illuminazione sarà qualità, sicurezza, impatto ambientale: l’evento UL al 10 Watt

Qualità, sicurezza, impatto ambientale e umano sono gli aspetti su cui si focalizzeranno i settori illuminazione e arredamento nel prossimo futuro. Questi i punti salienti della serata evento organizzata da UL lo scorso 15 Aprile, che ha riunito i protagonisti del mondo della luce ed arredamento in occasione del Salone del Mobile e di Euroluce.

 

Grande partecipazione alla serata evento “Full of Light Experience and Sustainable Furniture” organizzata da UL, leader globale nella scienza della sicurezza, nella suggestiva location 10 Watt a Milano. L’evento ha riunito architetti e lighting designer, progettisti internazionali, oltre a buyer, produttori e professionisti della luce e dell’arredamento green.

 

L’evento è stata un’occasione importante per celebrare l’International Year of Light (IYL) proclamato dalle Nazioni Unite, e riflettere sulle nuove tecnologie nel settore dell’illuminazione; si è discusso anche degli effetti positivi della luce sulla vita quotidiana con lo “Human Centric Lighting” – un nuovo approccio progettuale che considera gli effetti della luce sullo stato d’animo, i ritmi, l’acuità  visiva e le performance dell’uomo – e ovviamente del ruolo sempre più importante che fibre ottiche, laser, LED, microprocessori e tutte le nuove applicazioni della tecnologia fotonica hanno negli ambienti di lavoro e nelle abitazioni. Luce e attenzione per i bisogni dell’uomo significano anche sostenibilità. Ed infatti l’evento è stato un’occasione di confronto anche per i protagonisti del settore dell’arredamento sulla creazione di ambienti interni a basse emissioni e l’utilizzo di materiali in sintonia con l’uomo e l’ambiente.

 

Cornice della serata è stata un’interessante esposizione dedicata a progetti realizzati con prodotti testati o verificati da UL. Spettacolari immagini raffiguranti progetti di illuminazione e di arredamento sostenibile (tutti i prodotti di arredamento sono certificati Greenguard) di rilevanza internazionale, realizzati da aziende italiane e internazionali con il supporto di UL per gli aspetti di sicurezza e sostenibilità.

 

L’evento, organizzato nella città capitale del Design proprio in occasione de Il Salone Internazionale del Mobile e di Euroluce, è stato un momento importante di dialogo, di confronto e di condivisione. UL, in qualità di azienda impegnata a livello globale in ambito di sicurezza e sostenibilità, ha voluto porre l’attenzione sull’importanza del dialogo fra scienza, creatività e industria per un progresso tecnologico che abbia ricadute concrete e positive sulla salute e il benessere di tutti.

 

Per questo, la serata organizzata da UL ha avuto il sostegno, oltre che dell’IYL 2015, anche da diverse associazioni del settore dell’illuminazione e di quello dell’arredamento, incluse AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione), Apil, Assil, Assodel, Assoluce, Lighting Europe, PLDC (Professional Lighting Designers Convention), Federlegno Arredo, FEMB, U.S. Green Building Council e Green Building Council Italia.

 

Full of Light Experience” è stato patrocinato dall’International Year of the Light 2015, evento globale promosso dalle Nazioni Unite, di cui UL è patron sponsor. L’importanza della luce e delle relative  tecnologie per affrontare le grandi sfide dello sviluppo planetario è stata ribadita negli autorevoli interventi, tra gli altri, di Joseph Niemela, Senior Research Scientist presso l’Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics, e coordinatore del Segretariato Globale dell’IYL 2015 e di Jeff Smidt, UL Vice President & General Manager Appliances HVAC & Lighting Division nel corso della serata, presentata da Joachim Ritter, Steering Committee Chair PLDC.

 

“L’Anno internazionale della luce – ha dichiarato Joseph Niemela – è stato proclamato dall’UNESCO anche per suggerire delle soluzioni migliorative per il benessere di tutti. L’approccio Human Centric Lighting e la progettazione della luce in generale possono migliorare la qualità degli ambienti in cui viviamo. La luce può dare un contributo importante per rendere le nostre città più vivibili e migliorare la qualità della vita delle persone. La scienza non è sufficiente per affrontare le sfide globali di quest’epoca, è necessario un coinvolgimento e una collaborazione tra ricercatori, designer e industria per trovare insieme delle soluzioni efficaci. Bisogna continuare a lavorare in questa direzione, ampliare il raggio della ricerca e creare un sistema di collaborazione fra i protagonisti del settore. L’innovazione è la capacità di far dialogare la parte tecnologica con quella creativa”.

 

“Oggi nel settore dell’illuminazione – ha affermato Jeff Smidt – c’è sempre più consapevolezza e conoscenza. Non solo i designer, gli architetti e le aziende sono molto attenti all’innovazione e alla tecnologia, ma anche i consumatori cercano soluzioni più sostenibili e sicure. L’efficienza tecnologica e la qualità energetica sono molto importanti. Per questo motivo, bisogna lavorare alla creazione di standard comuni, ai quali sia i progettisti che l’industria possano far riferimento”.

 

Alla serata era anche presente Marcello Manca, Vice President Government and Industries Affairs di UL, che ha dichiarato “Oggi l’orientamento green è una tendenza che ha bisogno di regole e strutture. Il certificatore ha proprio per questo motivo un ruolo importante. Gli architetti devono poter lavorare con metodologie certificate ed eque ed il ruolo del certificatore deve essere quello di aiutare l’industria italiana a varcare i confini: UL vuole accompagnare le aziende nelle nazioni dove vogliono sviluppare il loro export”.

 

Alberto Uggetti, Senior Vice President and General Manager Global Furniture Business Division di UL,  conclude affermando “Non possiamo più pensare che il design e la sostenibilità siano l’uno separato dall’altra, in realtà sono concetti sempre più inscindibili. Dobbiamo aiutare architetti e designer a garantire un futuro sempre più green, definito da normative chiare ed universali: per questo il ruolo del certificatore è fondamentale”.

 

UL sostiene l’industria globale dell’illuminazione attraverso attività di test e certificazione in più di 44 paesi. La sua esperienza nella scienza della sicurezza, la sua presenza globale e il suo ruolo attivo nell’industria aiutano i protagonisti della filiera del settore a prendere decisioni consapevoli, ad ottenere l’accesso a nuovi mercati e a soddisfare specifici requisiti normativi. UL, inoltre, supporta il settore dell’arredamento con laboratori presenti in tutto il mondo, tra cui un laboratorio di collaudo e certificazione di mobili a Cabiate. Operativo a 360°, il laboratorio è accreditato per la certificazione di prodotti di arredamento secondo gli standard di sicurezza UL, offre una gamma completa di collaudi di prestazioni e infiammabilità/ reazione al fuoco, in termini di contenuto di sostanze chimiche e livelli di emissioni.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico