Lampade a Led ad acqua e sale, la novità dal mercato nipponico

Una lampada a Led ad acqua. Funziona così: acqua salata trasporta elettroni dal magnesio al carbonio e crea una corrente elettrica sufficiente per accendere dieci Led. Ecco l’ultima invenzione che una società giapponese sta per mettere sul mercato. La lampada, se occorre, può anche essere collegata con una USB all’elettricità.

 

La società giapponese Greenhouse sta per mettere sul mercato una lampada che funziona con acqua e sale e sfrutta il principio dell’elettrolisi. All’interno della lanterna si trovano infatti due elettrodi fatti di magnesio e una piastra di carbonio.
La lampada, dicono gli esperti nipponici, è utilizzabile per un massimo di 120 ore. Trascordo questo lasso di tempo, bisogna sostituire gli elettrodi, che hanno un costo di circa 12 dollari. L’acqua salata, invece, deve essere cambiata ogni otto ore e si può utilizzare anche quella prelevata direttamente dal mare.
In caso di necessità la lampada può comunque essere collegata con una presa USB alla corrente elettrica.

 

Si tratta di un sistema economico ed ecologico, spiegano da Greenhouse, il cui prezzo complessivo si aggira intorno ai 50 dollari, che potrebbe tornare utile, per esempio, durante le calamità naturali quando si verificano dei black out.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico