Lampade. Novità di Sylvania a ioduri metallici con tecnologia ceramica

Si tratta di lampade dalle perfomance illuminotecniche molto buone e caratterizzate da una stabilità eccellente nella resa cromatica. La lampada Sylvania Superia CMI-T mini da 20W è stata infatti nominata sorgente luminosa dell’anno ai Lighting Association Award tenutisi lo scorso luglio.

 

Le lampade CMI consentono a progettisti e lighting designer di ottenere una luce di qualità in tutte le applicazioni contract, dai negozi agli spazi espositivi, dagli spazi di hospitality a quelli dedicati alla cultura.

 

“La tecnologia a ioduri metallici è in assoluto la migliore per ottenere una luce di qualità e durevole per mettere in risalto dei prodotti o dare lustro alla propria attività – afferma Anja Solte, Strategic Business Unit Senior Manager – Con i nuovi prodotti abbiamo superato alcune carenze della tecnologia precedente, sviluppando un bruciatore costruito in un unico monoblocco. Questa innovazione ha comportato un significativo incremento dell’efficienza operativa e della stabilità della resa cromatica della lampada tanto da rendere ancora migliori le sue già buone perfomance”.

 

I tre modelli disponibili nella gamma CMI (CMI-T, CMI-TC e CMI-TD) si adattano a un’ampia gamma di apparecchi, dai downlight ai faretti per illuminazione d’accento, dagli apparecchi a parete fino a quelli in sospensione.
Da sottolineare che la CMI-Tmini 20W ha realizzato le performance migliori tra le lampade dedicate all’illuminazione d’accento, mentre la Superia CMI-RBriteSpot 20W è la più piccola lampada HID sul mercato.
Grazie allo speciale bruciatore monoblocco di forma ellissoidale, le lampade Superia CMI offrono una stabilità strutturale e un’efficienza straordinaria. Il bruciatore monoblocco è affidabile e resistente. Non ha infatti giunzioni che costituiscono un punto debole e una fonte di possibili guasti. La forma ellissoidale, con la sua assenza di angoli, garantisce inoltre un flusso luminoso stabile e una distribuzione ottimale della luce con ridotte zone d’ombra, caratteristica essenziale nel campo dell’illuminazione degli spazi espositivi. La nuova forma del bruciatore consente una minore dispersione del calore e un’accensione più rapida della lampada. In caso di black-out, per esempio, la riaccensione avviene in tempi minimi riducendo così il disagio per gli utenti.
Le lampade Superia CMI di Sylvania sono ideali per grandi ambienti e per spazi in cui serve un’illuminazione di grande effetto. Offrono una luce stabile con una colorazione uniforme.

 

Hanno inoltre una resa colore (CRI) imbattibile, pari a 90 per le lampade Warm White (3000K) e 96 per le Cool White (4200K). E il colore della luce permane nel tempo visto che dopo 9000 ore di funzionamento il mantenimento del flusso luminoso è pari all’80%. E non è tutto: con un output di 95 lm/W Superia CMI-Tmini è leader di mercato per efficienza. Il modello da 35W inoltre assicura 98 lm/W e il 70W e 150W arrivano fino a 100 lm/W. Mentre il costo dell’elettricità continua ad aumentare, le lampade Superia CMI vantano prestazioni e qualità sorprendenti, sfruttando al meglio l’energia utilizzata.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico