L’archivio della memoria

Tra le opere di Light Art raccolte nel volume Light Art in Italy, nella sezione “Installazioni in interni” a cura di Francesco Murano, L’archivio della memoria, Decode Elements, Castello Sforzesco, Milano, installazione di Federica Marangoni.

 

Un grande oggetto dall’aspetto effimero e inconsistente: un libro aperto. Un monumento al concetto di scrittura e comunicazione, alle parole stratificate nella nostra memoria. L’opera in vetro è una presenza senza una dimensione definita, un simulacro, dove parole simboliche compaiono qua e la sulla superficie, affiorando dal fondo delle pagine aperte come fossero evocate dai più profondi recessi della nostra mente. Parole elettroniche, non scritte ma proiettate, in movimento, parole della memoria. Quest’Opera può parlare ogni lingua e ogni parola può esservi scritta: è un archivio senza fine. È il monumento formale al libro, ma anche un monumento fragile che non si impone ma si propone come forma profondamente legata alla cultura e all’evoluzione stessa dell’uomo. L’installazione apre un importante riflessione sul nostro rapporto con la lettura oggi, tempo di media, dove computers e TV sembrano aver cambiato valori e abitudini.

 

Federica Marangoni, artista multimediale, opera internazionalmente e vive e lavora a Venezia. Mescola nelle sue sculture e nelle sue istallazioni luci, vetro e immagini in movimento, creando l’illusione di una dimensione dinamica dell’opera. La luce tremula degli schermi, i neon ed i Led rappresentano nel suo lavoro la vitalità del nostro contemporaneo trasmettendo alle sue sculture, presenze mutanti e virtuali, uno spirito antimonumentale. Ha esposto nei migliori musei e gallerie di tutto il mondo, come il MOMA a New York, La Biennale di Venezia, l’Hara Museum a Tokio, la Holly Solomon Gallery a New York, la Peggy Guggenheim Foundation a Venezia, Circolo de Bellas Artes, Madrid. Ha realizzato molte opere pubbliche per città e parchi di scultura in Italia e in Spagna. La ricerca costante nell’utilizzo di nuove sorgenti e nuove tecnologie connota tutte le sue opere.

 

Testi tratti da:

Gisella Gellini, Francesco Murano
Light Art in Italy
Maggioli Editore
Rimini, 2009

 

ISBN: 8838743436
Collana: 143 – Politecnica
Volume con CD Rom

 

Nell’immagine, L’archivio della memoria di Federica Marangoni, tratta dal CD Rom allegato al volume

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *