I LED driver Tridonic per l’illuminazione del duomo di Ulma

Lo studio di progettazione Bamberger ha sviluppato un nuovo sistema di illuminazione per gli interni del maestoso duomo di Ulma. L’effetto luminoso è straordinariamente preciso ed efficace; gli apparecchi di illuminazione sono posizionati in maniera discreta in secondo piano e lasciano la scena alla magnifica architettura. Un elemento importante di questa elegante soluzione sono i LED driver di Tridonic che consentono di mantenere separati i reattori e le sorgenti luminose a LED, permettendo agli apparecchi di illuminazione di avere una struttura sottile e compatta. Inoltre assicurano un funzionamento efficiente degli apparecchi d’illuminazione e permettono diverse opzioni di azionamento.

 

La luce a LED per dare risalto all’architettura

Per riprendere il tipico effetto gotico di ascesa verso il cielo, su tubi sospesi verticalmente lunghi circa 3,20 metri trovano spazio rispettivamente 20 o 24 piccoli punti luce a LED. Ogni punto luce è orientato individualmente in base alla sua funzione ed è dotato dell’ottica appropriata: alcuni emettono il proprio fascio luminoso sui banchi e sul pavimento, altri risaltano abilmente l’architettura fino alla volta.

 

500 punti luce a LED

L’intera illuminazione della navata centrale e delle navate laterali viene fornita da apparecchi di illuminazione a sospensione, posizionati in modo discreto negli archi a punta tra la navata centrale e la navata laterale. Questo ingombro minimo poteva essere ottenuto solo tramite la separazione spaziale delle sorgenti luminose a LED e dei LED driver. Alla luce di una proficua collaborazione pluriennale, lo studio Bamberger si è rivolto a Tridonic per i reattori degli apparecchi di illuminazione a LED. Lo specialista d’illuminotecnica, il lighting designer e il produttore degli apparecchi di illuminazione speciali, la ditta Metallbau Böhm, hanno trovato insieme la soluzione ideale nei LED driver dimmerabili a corrente costante della serie PREMIUM.

Un totale di 360 LED driver forniscono alimentazione e permettono di gestire circa 500 punti luce a LED. In questo progetto, il driver PREMIUM convince grazie a diverse peculiarità tecniche. Da un lato, la corrente d’uscita che può essere impostata tra 900 mA e 1.800 mA offre la massima flessibilità nella connessione, se necessario anche combinabile, dei punti luce a LED con uscita da 32 W o 18,5 W. L’intero sistema è stato configurato in modo tale che alle luci sia applicata solo tensione di tipo SELV, pertanto non sono necessarie ulteriori protezioni da contatto.

Ulteriori vantaggi sono rappresentati dall’elettronica di alta qualità e dal fatto che i driver funzionano dall’1 al 100% con dimmerazione in ampiezza e non con modulazione di larghezza di impulso (PWM). Di conseguenza, i reattori si trovano lontano dalle luci in un alloggiamento sotto la copertura di una navata laterale. Grazie alla dimmerazione in ampiezza, non si verificano problemi di compatibilità elettromagnetica (EMC).

 

Scenari luminosi ed efficienza energetica

I driver soddisfano perfettamente anche i requisiti di gestione dell’illuminazione. Tra le varie interfacce integrate, nel duomo di Ulma viene impiegato il registro DALI. Quasi tutte le lampade a LED sono dimmerabili e commutabili. Ciò consente di ottenere scenari di illuminazione versatili per i diversi usi degli spazi della chiesa. Inoltre, i moderni LED driver offrono ulteriori vantaggi. Ad esempio, hanno un funzionamento estremamente efficace dal punto di vista energetico, con un grado di efficienza del 91% e un consumo energetico in stand-by inferiore a 0,15 W. I dispositivi integrano numerose funzioni di protezione, ad esempio dalla sovratemperatura, dal cortocircuito e dal sovraccarico, e la loro durata nominale è di 100.000 ore.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *