Led lighting design. Artemide, i suoi eventi e i suoi designer

(Artemide is the protagonist in the world of lighting design. Always working with some of the most accredited international designers. Recently the company has distinguished itself for events and very interesting projects, and in 2011 has already 45 lighting design products.  Artemide is worldwide known as an icon of style and excellence of Italian culture). Artemide è protagonista del mondo dell’illuminazione. E’ nota in tutto il mondo quale icona dell’eccellenza e dello stile della cultura italiana che da sempre collabora con alcuni tra i più titolati designer internazionali, tra i quali Michele De Lucchi, Carlotta de Bevilacqua, Ross Lovegrove, Karim Rashid e Zaha Hadid. Recentemente l’azienda si è distinta per eventi e progetti molto interessanti, e nel 2011 ha già aumentato e implementato notevolmente la propria produzione con 45 nuovi prodotti di lighting design. E’ stata protagonista al Salone del Mobile Euroluce 2011 in e out con uno stand ricco di prodotti e con Zaha Hadid. Ha illuminato  la “Soglia Magica” presso l’Aeroporto di Malpensa.

 

La luce Artemide per Zaha Hadid
Le capacità innovative e la competenza Artemide interpretano la visione di un grande protagonista della progettazione contemporanea, Zaha Hadid. Twirl è l’installazione ideata da Zaha Hadid in occasione dell’evento Interni Mutant Architecture & Design. Per l’installazione, ospitata nel cortile dell’Università degli Studi di Milano, Artemide ha creato una special edition ad hoc di “Algoritmo”: una sorgente progettata dall’architetto e designer Carlotta de Bevilacqua che consente un’integrazione totale con l’architettura del progetto.
Secondo il concept progettuale di Zaha Hadid, Twirl vuol essere un’interpretazione contemporanea dell’architettura tradizionale dei cortili rinascimentali, trasformando le rigide geometrie cartesiane nella fluidità lineare dello spazio dinamico. La luce di Algoritmo è l’elemento che imprime energia alle geometrie curvilinee tridimensionali dell’installazione, e da vita al vortice spaziale che instaura un dialogo col colonnato circostante. Algoritmo nella versione outdoor da incasso in pavimento (calpestabile da esterni) interpreta la dimensione spaziale in un silenzio formale, in cui la materia che mette in scena la luce si mantiene dietro le quinte. La sorgente appositamente selezionata per questa realizzazione è Led, luce dinamica RGB e White, configurata per offrire le diverse performance previste.
Nel progetto illuminotecnico, Artemide esprime un concetto di qualità ambientale che mira alla sottrazione: meno materia, meno energia, superamento del caos percettivo e formale.
Lo spazio e il soggetto erano fattori strutturati di una partecipazione che si espleta nell’esperienza spaziale dell’ambiente creato da Zaha Hadid. Twirl è un’ulteriore tappa della collaborazione fra Artemide e la famosa archistar di origine iraniana, iniziata con la lampada da terra Genesy. Ideata da Zaha Hadid per Artemide, Genesy ha un corpo monomaterico in poliuretano espanso e due possibilità di luce, diretta Led e indiretta alogena o fluorescente, gestibili separatamente. Alcune lampade Genesy accompagneranno il percorso dei visitatori dell’evento Interni Mutant Architecture & Design.

 

Artemide ha illuminato la “Soglia Magica”
E’ di Artemide la luce con cui d’ora in poi l’Aeroporto di Malpensa darà il benvenuto a tutti i viaggiatori: la “Soglia Magica”, ideata da un gruppo di lavoro guidato da Pierluigi Nicolin, utilizza infatti la luce di Artemide come materia prima del progetto.
La “Soglia Magica”, situata all’interno dello spazio di collegamento tra la stazione ferroviaria e l’aeroporto, accoglie i viaggiatori coinvolgendoli in una sorta di “rito di
passaggio” espresso in forma poetica tridimensionale attraverso l’idea della nebbia padana. A suggerirla è una sorta di soglia disegnata dalla materializzazione della luce realizzata grazie ad un nebulizzatore ecologico. Al di sopra della struttura, incastonata nel grandioso hotel ancora in costruzione, è collocato un giardino contemplativo.
La luce è la protagonista attiva del progetto di Pierluigi Nicolin, Giuseppe Marinoni, Sonia Calzoni, Giuliana Di Gregorio, Alberto Garutti, che nella competenza e nelle capacità tecnologiche Artemide hanno trovato il partner capace di raggiungere un’illuminazione dai forti connotati emozionali. L’intervento di Artemide ha previsto l’ideazione di numerose apparecchiature ad hoc, che hanno dovuto anche rispettare le rigide normative riguardanti le cosiddette aree di collegamento.
Nel corso della giornata e col susseguirsi delle stagioni, le luci della “Soglia Magica”, anche mutando tonalità, registrano il percorso del sole; di sera e di notte, un sistema di illuminazione a LED crea un suggestivo clima onirico. Un susseguirsi di 240 punti luminosi blu, che richiamano le luci che bordano le piste di atterraggio, descrive il percorso e guida chi lo attraversa. La “Soglia Magica” è destinata ad accogliere anche eventi ed esposizioni. A tale scopo, Artemide ha collocato una serie di sorgenti luminose che possono essere spostate a piacere per garantire così la massima personalizzazione dello spazio.
La “Soglia Magica” è un’ulteriore testimonianza dei livelli cui può giungere la collaborazione fra Artemide ed i progettisti: nella passione con cui Artemide mette al servizio delle idee da realizzare un’esperienza imbattibile e laboratori di ricerca e sperimentazione tecnologicamente all’avanguardia, la creatività trova l’energia per affrontare nuove sfide e la luce riesce ad essere l’elemento vitale di cui è fatta la progettualità contemporanea.

 

Il 2011, i prodotti e l’innovazione
Artemide nel 2011 ha firmato 45 nuove lampade, 20 completamenti di gamma e una nuova linea outdoor: ognuna di queste proposte esprime i valori Artemide con il linguaggio di un personaggio di riferimento nell’oggi della progettazione. Sono di ogni parte del mondo i designer famosi ai quali Ernesto Gismondi, CEO di Artemide, chiede di sviluppare nuovi concept: “autori globali” che raccontano lo spirito del tempo attraverso la luce. Fra le novità da tavolo, Ross Lovegrove firma Grifo e Karim Rashid Halo. Fra le sospensioni, la grande Calenda ideata da Rota & Pedretti per il museo del ‘900, le forme organiche Nearco ed Empirico di Karim Rashid e Illiria di Ernesto Gismondi.
Nel settore outdoor, la serie di incassi firmati da Ernesto Gismondi, Michele de Lucchi e Alessandro Pedretti.
L’innovazione Artemide si esprime anche nei numerosi prodotti patent pending. Come PAD, il trasformatore integrato nel circuito Led che elimina l’ingombro e il peso del trasformatore. Come Algoritmo, il sistema d’illuminazione che si integra con l’architettura in modo totale, e Copernico, la sospensione in alluminio riciclato, entrambi firmati da Carlotta de Bevilacqua.

L’innovazione di Artemide è un valore riconosciuto e condiviso a livello internazionale:
– IF 2011(International Forum Award, Hannover) a Lednet, design De Lucchi & Nason, e a Doride terra, design Karim Rashid;
– RedDot 2011 ad Algoritmo e a Copernico sia sospensione che parete, entrambi design Carlotta de Bevilacqua, e a Cosmic Angel parete, design Ross Lovegrove;
– Good Design Award 2011 a Cosmic Leaf sia terra che mini da tavolo, design Ross Lovegrove, Tian Xia 500 Led, design Carlotta de Bevilacqua, Tolomeo Tavolo led, design De Lucchi & Fassina.

 

Nell’immagine di apertura lo stand di Artemide a Euroluce 2011.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *