Led, luce firmata per Milano

Da Ingo Maurer a Karim Rashid, da Ross Lovegrove a Gilbert Moity, i grandi light designer della scena internazionale, accanto ai giovani talenti delle più importanti scuole di design della città, presentano in anteprima le opere di luce che accenderanno Milano il prossimo dicembre in occasione della II edizione di Led, il Festival Internazionale della Luce di Milano 2010. Installazioni, opere d’arte, allestimenti e proiezioni luminose trasformeranno Milano in un palcoscenico di luce a cielo aperto di luce, tra sostenibilità ambientale, risparmio energetico, creatività e innovazione.
In mostra presso la Triennale di Milano, dal 22 al 26 settembre, i progetti di luce che accenderanno la metropoli nel mese di dicembre. I visitatori ammireranno in anteprima i progetti ideati dagli studenti delle più importanti scuole e accademie di design della città – Naba, Domus Academy, Ied, Politecnico di Milano, Facoltà del Design, Spd – e dei giovani professionisti. A loro fianco saranno esposti i lavori fuori concorso dei grandi designer della scena contemporanea internazionale. Un invito speciale è stato rivolto a: Ingo Maurer, Ross Lovegrove, Karim Rashid, Hub Ubbens, Paul Cockesedge, Gilbert Moity, Piero Castiglioni, Maurizio Nannucci, Denis Santachiara, Cinzia Ferrara, Carlotta De Bevilacqua, Castagna & Ravelli, Fabio Novembre, (Gruppo T) con Italo Rota, Matteo Thun, Luca Trazzi.
Il percorso espositivo vedrà una selezione di 60 progetti, di cui 30 proclamati vincitori da una prestigiosa giuria composta da: arch. Flora Vallone, direttore Settore Arredo Verde Qualità Urbana del Comune di Milano, Luisa Bocchietto, presidente ADI, Davide Rampello, presidente Triennale Milano, arch. Stefano Boeri, ing. Gianni Drisaldi, presidente AIDI (Associazione Italiana di Illuminazione). Una preview di luce in attesa del prossimo dicembre, quando le opere, sia dei vincitori del contest che dei grandi designer invitati, saranno allestite in città per il Festival Internazionale della Luce.
Un viaggio nella luce che condurrà i visitatori alla scoperta di una nuova immagine dei luoghi urbani. Dalla Triennale al Duomo di Milano, dai grattacieli della new city alla Stazione Centrale a Piazza Scala, dal Quadrilatero della moda a Piazza Scala ai Navigli, la metropoli si accende come un teatro di luce “open air”. Nuvole luminose, fontane illuminate, nebbia di luce, lune e soli accesi, alberi, fiori colorati e prati fioriti, farfalle, meduse, pesci e balene. Sono gli elementi naturali, l’aria, l’acqua, il cosmo e la natura i temi cui si sono ispirati i grandi light designer e i giovani talenti per accendere Milano. Una città di luce dove i linguaggi degli allestimenti e delle installazioni artistiche si sovrappongono alla città di pietra, dando vita a una nuova scrittura urbana, elettrica e notturna. Luce come sogno e realtà che modifica gli spazi e i luoghi, coinvolgendo gli spettatori in una nuova lettura del paesaggio urbano e del nostro presente.
Led è un progetto promosso da Maurizio Cadeo, Assessore all’Arredo, Decoro Urbano e Verde del Comune di Milano, a cura di Beatrice Mosca e Marco Amato. Led intende coinvolgere le eccellenze dell’ intero sistema creativo, formativo e produttivo della metropoli, allargando per la II edizione il circuito espositivo dai luoghi pubblici agli showroom e agli spazi commerciali, in una logica di evento diffuso che possa coinvolgere la città in toto. Attraverso Led, l’utilizzo della luce diventa occasione d’arte e di design, come nei grandi esempi di modelli europei: dalla città di Lione, con la Fête des Lumières che attira ogni anno milioni di visitatori, alle grandi light cities, quali Londra, Parigi, Berlino, Francoforte e, non ultima in Italia, Torino, con Luci d’artista.
Milano, già capitale del design, diventa attraverso la luce luogo di innovazione capace di offrire “un’esperienza culturale” stimolante per lo scambio e il confronto di conoscenze. Un Festival capace di promuovere l’immagine di Milano nel mondo, non solo in termini di visibilità, ma anche di internazionalità, cultura, innovazione e sostenibilità ambientale.
Il Festival si terrà dal 4 dicembre 2010 al 10 gennaio 2011.

 

Nomad Flower di Gilbert Moity

 

La casa degli alberi di Castagna&Ravelli

 

Convivio di Cinzia Ferrara

 

Nuvole d’Oro di Luca Trazzi

 

Fiabe di Luce di Mauro Richiedei, Marcello Panza, Raffaele Corvino

 

Butterfly di Chiara Lampugnani

 

Nuvole di Irene Antolini

 

Gocce di Luce di Ginevra Formaio

 

Nell’immagine di apertura, Butterfly di Chiara Lampugnani

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico