L’effetto materico del cemento esaltato dalla luce. Occhio illumina un “faro nella tempesta”

Al posto dell’edificio distrutto dall’alluvione del 2013 che aveva colpito la città tedesca di Passau, oggi si erge una nuova costruzione, solida e a prova di inondazione. L’edificio troneggia sopra al fiume Inn sfidandone le acque. Progettata e realizzata dallo studio di architettura Koeberl Doeringer, per rimarcarne la robustezza, richiamando il concetto della roccia, cemento gli architetti le hanno dato il nome di “Fels in der Brandung”, faro nella tempesta.

Esternamente il gesto architettonico chiaro e pulito ne mette in evidenza il carattere deciso. All’interno, le pareti e i soffitti in calcestruzzo a vista di colore nero conferiscono all’ambiente un carattere particolare. La zona giorno, il nucleo centrale della cucina con la zona pranzo, come pure le camere da letto si intersecano una nell’altra con affacci a tutta altezza sul fiume.

L’architettura che accomuna tra loro gli ambienti viene replicata dal progetto illuminotecnico: in presenza di luce diurna le ampie vetrate garantiscono sufficiente luminosità negli interni. Per l’illuminazione artificiale si è deciso a favore dei corpi illuminanti di Occhio: in gamma tante soluzioni per ogni situazione, dal singolo punto luce all’illuminazione completa di interi edifici.

Le pareti di colore nero interne all’edificio vengono messe in risalto dai faretti Più alto nella versione cromatica corrispondente nero opaco per dare al calcestruzzo grezzo una tonalità calda e creare un ambiente accogliente. Allo stesso tempo, essendo orientabili, i faretti consentono di variare a piacere l’effetto della luce creando nuovi scenari. Il caratteristico effetto luminoso dei faretti esterni rende superfluo ogni intervento artistico alle pareti. La luce che emettono ha una funzione quasi curatoriale: rende protagonista il cemento facendone emergere l’effetto materico ruvido in maniera ludica.

Tre faretti bastano per dare luce sufficiente all’isola di cottura e al piano di lavoro della cucina. In assoluta simmetria, Più alto accentua il cuore della casa e allo stesso tempo sottolinea la solenne geometria delle stanze. Nel suo linguaggio formale, Mito volo, la lampada a sospensione della serie Mito linear, riprende l’architettura squadrata stando elegantemente in secondo piano. Grazie alla regolazione in altezza, la lampada sopra il tavolo assume la posizione desiderata facendo scomparire i cavi di sospensione nel controsoffitto. La funzione “color tune” consente la regolazione del colore della luce in base alle diverse situazioni, dalla luce fredda per favorire la concentrazione durante il lavoro a quella calda nelle ore serali.

Nella zona giorno, l’illuminazione si stacca dalle pareti e dal soffitto per assumere tridimensionalità: avvolte dal cemento grezzo, Mito raggio e la poltrona lounge formano un’isola che invita al relax mentre l’elegante lampada ad arco Mito largo inclina dolcemente la sua testa color bronzo sopra l’accogliente angolo soggiorno creando un’atmosfera accogliente.

Tutti i corpi illuminanti Occhio possono essere gestiti tramite le app Occhio air, Bluetooth per Occhio o semplicemente con smartphone, tablet o controller.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *