Maxi emendamento: arriva la sicurezza dei sistemi elettrici!

Oltre che di riduzione delle bollette della luce, nel maxi emendamento alla Legge di stabilità si tratta anche di sicurezza degli impianti elettrici: l’iniziativa è delegata a Regioni e Province autonome, senza nessuna novità rilevante.

 

Sicurezza del sistema elettrico (e fonti rinnovabili) nell’ambito delle Regioni e delle Province autonome sono dunque due temi trattati nel maxi emendamento, nei seguenti termini:
“Per esigenze di sicurezza del sistema elettrico e di riduzione degli oneri di sistema sui prezzi dell’energia elettrica, le Regioni e le Province autonome assicurano che i procedimenti e gli atti di loro competenza per autorizzare opere di sviluppo delle reti di trasmissione e di distribuzione di energia elettrica siano armonizzati e coerenti, anche in termini temporali, con il rilascio di autorizzazioni per impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili, di cui all’articolo 4, comma 2, del decreto legislativo n.28 del 2011. A tale scopo, entro 90 giorni le Regioni emanano specifici atti di indirizzo alle Province, ove delegate allo svolgimento del procedimento unico di cui all’articolo 12 del decreto legislativo n.387/2002, e ai Comuni per l’applicazione della procedura abilitativa semplificata di cui al decreto legislativo 28/2011.
Al fine di garantire la sicurezza del sistema elettrico e di ridurre gli oneri di sistema sui prezzi dell’energia elettrica, le Regioni e le Province autonome devono quindi assicurare che i procedimenti e gli atti di loro competenza per autorizzare le citate opere siano armonizzati e coerenti, anche in termini temporali, con il rilascio di autorizzazioni per impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili. L’Autorità per l’energia elettrica e il gas provvede entro novanta giorni ad aggiornare e rivedere la disciplina tecnica su dispacciamento e servizi di rete.
Citiamo dal testo: “Per le medesime esigenze richiamate al comma 3 (sopra, ndr), l’Autorità per l’energia elettrica e il gas provvede entro novanta giorni ad aggiornare e rivedere la disciplina tecnica su dispacciamento e servizi di rete”.

 

Visualizza tutto il testo del maxi emendamento (e vai a pagina 41 per leggere sulla sicurezza del sistema elettrico e sulle fonti rinnovabili). 

 

I procedimenti e gli atti per le opere di sviluppo delle reti di trasmissione e di distribuzione di energia elettrica devono essere quindi “armonizzati e coerenti” con il rilascio di autorizzazioni per impianti di produzione elettrica da fonti rinnovabili secondo i principi elencati qui (Decreto legge 28/2011) al comma 2. Niente di nuovo sotto sul fronte occidentale, dunque.

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *