Multiplex Arcadia: un avvincente percorso luminoso

Appena inaugurato, il multiplex Arcadia di Bellinzago Lombardo, alle porte di Milano, rappresenta in modo emblematico il nuovo modo di progettare le strutture cinematografiche come luoghi sensoriali al 100%. Non solo le sale di proiezione, ma ogni ambiente del cinema è stato studiato dal punto di vista architettonico e di interior per essere vissuto come un luogo fantastico ed emozionale. La luce in questo progetto ha un ruolo fondamentale perché rappresenta “il materiale di costruzione più importante” come sintetizzato dal progettista, arch. Feldtkeller dello studio DW9 di Milano. Una luce che varia come intensità, colore, direzione e concentrazione a seconda della situazione tematica dell’area. Arcadia è stata la prima struttura in Italia ad aver introdotto il concetto di multiplex, uno spazio polifunzionale il cui fulcro è la sala cinematografica, pensata per offrire la più alta qualità possibile in termini di comfort e di spettacolo cinematografico. Inoltre sono presenti numerosi servizi collaterali: un foyer di 900 mq con pareti sensoriali, schermi LCD che informano su tutte le attività del cinema, una parete di banchi frigo self service, una vasta scelta di food&beverage, un wine bar e una libreria ampiamente fornita.
Piero Fumagalli, titolare di Arcadia, e Feldtkeller hanno dato vita a un progetto che si caratterizza sia per lo slancio innovativo e le soluzioni personalizzate, sia per la fedeltà alla linea Arcadia, ottenuta grazie all’utilizzo di richiami formali e cromatici con gli altri multiplex (il blu all’ingresso delle sale, i cerchi e i cilindri luminosi appoggiati al pavimento o sospesi al soffitto). In questo scenario la luce è stata pensata come un elemento fondamentale, in grado di definire le forme dello spazio, di creare atmosfere, di definire i percorsi. Per questo Norlight è stata incaricata di sviluppare apparecchi ad hoc, originali per forma e funzione perché utilizzati non solo per fare luce, ma anche come elementi architettonici.
L’ingresso del cinema si presenta come una zona di ‘decompressione visiva’ rispetto alla forte luminosità del centro commerciale. In questo caso Feldtkeller ha scelto una luce tecnologica nella sostanza ma semplice nella forma, che doveva riprendere il tema del cerchio. Ne è nato ILLO, rivisitazione in chiave moderna della lampadina appesa a un filo. Installati con interasse di 1,5 m, questi apparecchi a LED creano piacevoli bolle di luce sul pavimento e offrono l’illuminamento necessario all’attraversamento. Per le zone di vendita si è invece optato per dei corpi illuminanti di grandi dimensioni e dalla caratteristica forma paraboloide; denominati BIANCA per le innumerevoli assonanze con il mondo astrale e lunare in particolar modo, questi apparecchi svolgono una triplice funzione: contenere la fonte di luce, diffondere la luce ed essere elementi architettonici. Accostati gli uni agli altri sostituiscono infatti il controsoffitto e creano un tappeto di luce.
Superate le casse si arriva alla zona bar, dove il colore delle lampade installate è più caldo rispetto a quello scelto per la zona vendita. Per creare effetti d’accento su alcuni tavoli, una parte degli apparecchi è stato dotato di una doppia fonte di luce: quella fluorescente da 22W per la luce soffusa d’ambiente e quella diretta fornita da una lampada a ioduri metallici da 35W. Oltrepassato il bar, la luce diminuisce nuovamente e si inizia la salita verso le sale di proiezione lungo una rampa che sembra galleggiare sulla luce. Nel buio, gli elementi strutturali e il camminamento, dipinti di grigio, perdono identità e fisicità, come pure le balaustre e l’ascensore in vetro trasparente. Unico segnale forte è la linea luminosa posta ai lati della rampa che guida i passi e gli occhi verso l’alto. Al piano superiore il visitatore si immerge in un ambiente totale di colore blu, il colore della cinematografia per eccellenza. Ed è sorprendente la sensazione di trovarsi sospesi nel nulla, fluttuanti in un ambiente di luce, che avvolge completamente. La perdita di riferimenti, voluta, è compensata da un segnale forte, attraente, un lungo tappeto rosso ondulato, sospeso al soffitto, a ricordare le pellicole cinematografiche che spinge a proseguire alla ricerca della sala di proiezione scelta.

 

www.norlight.it

 

www.multiplexarcadia.com

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico