Neon Structure

L’installazione Neon Structure dell’artista Thorbjørn Lausten si configura come un gigantesco semaforo costituito da neon collocati in modo da creare frecce puntate verso il Bella Centre, il luogo in cui politici e diplomatici si sono incontrati in occasione della UN Climate Change Conference – COP15 per decidere il futuro del nostro pianeta.

 

Dal 13 al 18 dicembre 2009 dieci artisti scandinavi hanno illuminato il paesaggio urbano di Ørestad attraverso una serie di installazioni create per accendere una luce su specifici temi correlati alle problematiche dei cambiamenti climatici.
Mentre politici  e diplomatici si stavano preparando per la UN Climate Change Conference – COP15, il festival “Glowing Climate” ha aperto le porte all’arte e al lighting in Ørestad, un comparto urbano della città di Copenhagen caratterizzato da uno stimolante recente sviluppo, dalla posizione attraente e da ottime infrastrutture.
Per sei giorni il bagliore di installazioni artistiche e di media art ha illuminato il paesaggio urbano dell’Ørestad: parchi, facciate e canali, spazi interni ed esterni sono stati caratterizzati da opere d’arte realizzate attraverso il comune denominatore del tema della luce. Ciascun artista ha acceso una luce su uno specifico tema relativo al clima e ai cambiamenti climatici.
“Glowing Climate – Art and Climate Festival” ha presentato una serie di eventi che hanno aperto il mondo dell’arte e della cultura a modi alternativi e meravigliosamente particolari di comunicare e discutere le questioni legate al clima.

 

Gli artisti
Thyra Hilden & Pio Diaz, Jari Haanperä, Jens Galschiøt & Sevenmeters.net, Birgit Nielsen & Hanne Johnsen, Karoline H. Larsen, Miriam Karpantschof, Steven Scott, Thomas Lindvig, Thorbjørn Lausten, Kristoffer Ørum & Anders Bojen

 

L’artista Thorbjørn Lausten ha proposto un’installazione denominata “Neon Structure”. L’opera consiste in una snella struttura dell’altezza di otto metri dal livello del terreno. I tubi al neon verdi e rossi si accendono e si spengono a intermittenza, dando all’installazione l’aspetto di un gigantesco semaforo. I neon sono disposti in modo da formare una serie di frecce puntate in direzione del Bella Centre, il luogo in cui politici e diplomatici si sono incontrati nel mese di dicembre per decidere le sorti del nostro pianeta in tema di cambiamenti climatici e risorse energetiche.
L’opera di Lausten è concettualmente collegata all’installazione di Steven Scott intitolata Scotia e allestita, durante il festival “Glowing Climate”, all’ingresso del Bella Centre: l’opera di Scott consiste in una serie di “antenne” sormontate da pannelli solari in grado di generare molta più energia di quella necessaria al proprio funzionamento. L’energia prodotta in eccesso viene inviata, attraverso la rete elettrica, fino all’installazione Neon Structure in modo da alimentarne il funzionamento.

 

L’evento è stato organizzato da Illumenarts, una galleria di light and media art situata nel moderno quartiere di Ørestad nord che utilizza spazi ed edifici pubblici come scenario di progetti di varia natura. La visione che sta alla base delle attività di Illumenarts tende alla creazione di una serie di esperienze artistiche uniche e provocatorie e destinate ad essere viste “al crepuscolo”. La mission di Illumenart è infatti quella di accrescere la conoscenza della luce come opera d’arte e di mostrare alle persone gli spazi urbani da un punto di vista diverso.

 

a cura di Federica Maietti

 

Nell’immagine, Thorbjørn Lausten, Neon Structure, Byparken, Ørestads Boulevard, Ørestad, Copenhagen. Glowing Climate – Art and Climate Festival, dicembre 2009. Foto Anders Sune Berg

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico