Performance in Lighting, illuminotecnica per il mondo di Leonardo

La mostra Leonardo3 – Il mondo di Leonardo, a Milano in piazza della Scala fino al 28 febbraio 2014, accoglie tra gli altri capolavori la Macchina volante. L’opera è illuminata con le soluzioni di Performance in Lighting, multinazionale del settore illuminotecnico di recente impegnata anche in altre iniziative culturali e artistiche.

 

L’esposizione fa rivivere macchine interattive, modelli fisici, manoscritti e disegni nati dal genio rinascimentale di Leonardo Da Vinci. Tra le opere in mostra, dopo il Grande Nibbio, la Vite Aerea, il Pipistrello Meccanico e la Libellula Meccanica, arriva ora la Macchina Volante dall’apertura alare di otto metri, che Leonardo aveva costruito in segreto dietro l’attuale Palazzo Reale di Milano.
L’illuminazione dell’opera è firmata da Performance in Lighting attraverso l’installazione realizzata con i sistemi 4Seasons Cut e curata dall’ufficio progettazione dell’azienda con l’obiettivo di ottenere un’illuminazione ottimale, tenendo in considerazione la delicatezza dell’opera e la necessità di utilizzare apparecchi mobili per preservare il patrimonio architettonico. Con la flessibilità delle soluzioni scelte è stato possibile inserire armonicamente il sistema di illuminazione in un progetto già esistente.

 

I 4Seasons nascono in effetti come apparecchi per esterni e vengono utilizzati prevalentemente per la decorazione luminosa di ambienti quali parchi e giardini. A forma di cubo, sono dotati di maschere con motivi decorativi e geometrici che permettono di modulare l’emissione luminosa. L’elemento distintivo dei 4Seasons Cut è il taglio inclinato lungo una delle facce del cubo. Ogni maschera può essere usata liberamente per creare luci e ombre che interagiscono con la superficie dell’elemento illuminato, con infinite possibilità creative, andando così a generare un avvolgente e suggestivo scenario luminoso. Nel “mondo di Leonardo”, la duttilità dei 4Seasons Cut ha permesso di arrivare ad una installazione “alternativa” all’interno del museo: il fascio di luce sarà rivolto dal basso verso la Macchina Volante sospesa a circa tre metri d’altezza.

 

Afferma Massimiliano Lisa di Leonardo3, organizzatore della mostra: “Fin dai tempi di Leonardo, la luce ha rappresentato un fattore vitale per l’arte. Il know-how di Performance in Lighting era quanto di meglio potessimo scegliere: le loro soluzioni valorizzano l’opera senza recarle alterazioni e sono l’ideale per apprezzarne i dettagli. L’intervento di Performance in Lighting è stato fondamentale soprattutto per l’analisi e la ricerca della migliore soluzione illuminotecnica rispetto agli obiettivi della mostra”.

 

La partecipazione a questa iniziativa si inserisce in un percorso già avviato da Performance in Lighting nel mondo dell’arte e della cultura con altre installazioni: i nuovi allestimenti all’interno di ArenaMuseOpera (AMO) a Verona, il museo di Fondazione Arena dedicato alla creatività e all’eccellenza dell’Opera Lirica Italiana; il museo di arti figurative di Lipsia; l’illuminazione dei modelli della stilista Chiara Boni in occasione del Fuorisalone 2013.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico