Philips entra nel WorldGBC

Royal Philips Electronics, nell’ambito del Leadership Forum delle Nazioni Unite sul cambiamento del clima, ha esortato tutti i governi a mantenere un comportamento responsabile che assicuri un mondo migliore attraverso l’implementazione dell’ambizioso programma di riduzione di CO2 e il rispetto degli standard di legge.

 

Philips è entrata a far parte del WorldGBC (World Green Building Council) con l’obiettivo di arrivare a un 40% in più di efficienza energetica entro i prossimi 10 anni nelle nostre città.
Viviamo in tempi pieni di sfide per il business e le aziende”, ha commentato Gerard Kleisterlee, CEO di Royal Philips Electronics, “se riusciremo ad accordarci su un ambizioso programma di efficienza energetica, avremo le condizioni giuste per trasformare la nostra economia mondiale e daremo un segnale chiaro e forte di quanto le nazioni e la nostra intera società abbiano bisogno di accelerare gli investimenti in prodotti, servizi, tecnologie e infrastrutture sostenibili come, ad esempio, la tecnologia della luce a LED”.

Più della metà della popolazione mondiale oggi vive nelle grandi città ed è responsabile del 70% dell’utilizzo globale dell’energia. Il 50% dell’energia utilizzata nelle città è destinata all’illuminazione. La costruzione di palazzi ecosostenibili permetterebbe di risparmiare più diossido di carbonio di quanto ne emetta complessivamente il settore dei trasporti.
Philips sostiene che i tempi di rinnovo delle strutture esistenti, basate su tecnologie obsolete che risalgono spesso agli anni Sessanta, sono troppo lunghi. Ad esempio, solo il 6-7% dell’illuminazione per ufficio viene sostituita in un anno e solo il 3% dell’illuminazione pubblica. Di questo passo, ci vorranno 30 anni prima che la qualità dell’ambiente, dell’economia e della vita delle persone possa godere dei benefici delle nuove tecnologie già disponibili.

La partnership tra Philips e il World Green Building Council è stata realizzata allo scopo di realizzare 100 task force locali che creino nuove alleanze con i governi e le municipalità allo scopo di ridurre consistentemente le emissioni di carbonio nei prossimi dieci anni attraverso la promozione della realizzazione di nuovi edifici e infrastrutture pubbliche più sostenibili.

Philips può certo offrire tecnologie e soluzioni, ma si propone anche di promuovere più consapevolezza. Le tecnologie sostenibili oggi esistono in tutti i segmenti di mercato e ciò che davvero non possiamo permetterci è il ritardarne l’utilizzo. Questo è il motivo per cui i governi di tutte le nazioni devono adottare politiche e leggi adeguate. Dopo tutto, si tratterebbe di una mossa vincente per tutti: risparmio energetico, risparmio di denaro e un’economia sempre più green”, ha aggiunto Rudy Provoost, membro del Board of Management, CEO di Philips Lighting e capo del Sustainability Board di Philips.

Per informazioni: www.worldgbc.org

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico