Progetto illuminotecnico: il Castello di Cracovia

Un nuovo impianto illuminotecnico arricchisce di suggestione e fascino il complesso del castello di Wawel, antica residenza dei regnanti polacchi.

 

Sul colle di Wawel si erge il Castello, antica residenza dei reali polacchi, nel cuore antico della città di Cracovia. Un edificio simbolo, un po’ come la Torre Eiffel per Parigi o il Colosseo per Roma. Per arricchire il suo fascino monumentale, dalla scorsa estate, è in funzione un nuovo impianto illuminotecnico, che ne valorizza l’imponente struttura architettonica ed esalta il fascino di decorazioni e stucchi, conferendo al complesso una nuova vita notturna.

 

L’obiettivo è stato raggiunto con un’illuminazione neutra, che abbraccia le mura e le aree verdi dell’altura, mettendo in risalto dettagli che, paradossalmente, sfuggono alla vista durante le ore del giorno. La luce bianca è stata scelta per non alterare in alcun modo l’impatto visivo del complesso. L’intervento ha richiesto un lungo lavoro di progettazione e numerose prove, in stretta sinergia con il Dipartimento di Conservazione dei beni monumentali (la Sovrintendenza locale), indispensabile per definire dettagli progettuali, ma anche procedure tecniche. I 500 punti di allacciamento e gli oltre 13 chilometri di cavo indispensabili per dar vita al nuovo impianto sono stati collocati senza interferenze con i flussi di visitatori, ma soprattutto con il minimo impatto sul paesaggio e sulla struttura.

 

Il rispetto del complesso monumentale e l’obbligo di ottemperare a rigorose prescrizioni hanno condizionato la scelta dei colori e le scelte tecniche, ma l’obiettivo è stato raggiunto: valorizzare e rinnovare non solo la cinta muraria ma anche aree di pregio particolarmente amate dal pubblico, come l’accesso alla caverna del Drago.
L’intervento è stato commissionato dalle Autorità cittadine di Cracovia in vista del Museum Night dello scorso maggio, ed è stato eseguito dalla Technolight nella persona di Tomasz Matkowski in collaborazione con Disano Illuminazione.


Altre immagini del progetto

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico