Quinto Conto Energia, bozza del decreto e reazioni

Le reazioni delle Associazioni alla bozza del decreto circolata nelle scorse settimane (scaricala qui).

“Il solare fotovoltaico italiano in questi anni di crisi, in controtendenza con tutto il resto del mercato industriale, è cresciuto ed ha creato centinaia di migliaia di posti di lavoro ed ha contribuito alla diminuzione dei costi di reperimento di energia elettrica. Ora anche per il fotovoltaico italiano si parla di tagli ed occorre evitare che un intervento indiscriminato provochi il collasso di un comparto importante ed in grande sviluppo”.
(Associazione Aes, Azione energia solare)

 

Aes ha portato avanti anche una proposta, semplice: diminuire il costo del fotovoltaico in Italia non incentivando ulteriormente i grossi impianti e preferendo invece i piccoli impianti per uso domestico o industriale. La proposta completa di Aes puoi leggerla cliccando qui.

 

“In tutta onestà stento a credere che i Ministeri competenti vogliano infondere panico nel mercato fotovoltaico facendo circolare bozze, diverse tra loro nei contenuti e nella forma, piuttosto che operare con responsabilità nei confronti di un comparto industriale, quello del fotovoltaico, che ad oggi ha contribuito concretamente allo sviluppo nel nostro Paese del mercato energetico, componente fondamentale di ogni sistema economico. Un intervento legislativo come quello prospettato dalle bozze in circolazione vanificherebbe tutti gli investimenti realizzati fino ad ora.
(Gifi-Anie)

 

Prima che circolasse la bozza, anche Ifi (Industrie fotovoltaiche italiane) aveva protestato:
“Le nostre imprese hanno bisogno di certezza: per programmare i propri investimenti, per tarare i cicli produttivi, per attivare l’accesso al credito. Si prendano posizioni chiare e definitive e soprattutto si favorisca la salvaguardia e lo sviluppo della filiera industriale nazionale”.  

 

 

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico