Raffinati cambi di luce al Design Library Cafè

Progettato da James Irvine e Maddalena Casadei, il Design Library Cafè è uno spazio semplice e architettonico, che gravita intorno al bancone monolite che gira a U attraversando gli spazi. Ai due lati del locale due mensole-libreria accolgono la selezione di libri e riviste internazionali dedicate al design. Il Café è diviso in due ‘zone’: un’area relax con divani, pouf e tavolini, e uno spazio dedicato alla consumazione al tavolo. I tavoli rettangolari, fissi a terra, possono essere adattati a diverse situazioni grazie ad un piano che permette di collegarli a 2 a 2. In questo modo si passa da una situazione di interazione più intima a una più di gruppo, favorita da un’atmosfera rilassata che invita all’incontro. In uno spazio di questo tipo, la luce gioca naturalmente un ruolo di assoluta rilevanza.
Il progetto illuminotecnico è stato affidato al noto studio Irvine, che ha lavorato in collaborazione con il gruppo Disano, partner tecnico per le luci, e Helvar, che invece ha fornito i sistemi di controllo e gestione della luce. Due gli obiettivi da raggiungere: mettere in risalto la zona bancone enfatizzandone la forma e creare piacevoli ed emozionali effetti di luce colorata nelle altre zone.
Era inoltre molto importante che si potesse avere una corretta regolazione della quantità di luce in funzione della fascia oraria e della luce naturale e che fosse possibile ricreare diversi scenari luminosi a seconda delle esigenze della serata. In coerenza con il concept del locale, la luce è soffusa, gradevole, rilassante e anche i cambi colore studiati per le zone perimetrali utilizzano scale cromatiche tenui e ritmi di variazione lenti. Per ottenere questo risultato è stata integrata l’illuminazione diretta/puntuale fornita dai faretti Vision di Fosnova puntati sul bancone, e l’illuminazione diffusa fornita da sistemi LED inseriti in speciali scanalature sotto al bancone e sopra le pareti/libreria. In questo modo la luce accarezza pareti e materiali generandosi direttamente dagli arredi.
La regia di tutto è stata affidata ai sistemi di gestione della luce Helvar che permettono di mixare in modo corretto i diversi tipi di luce e di creare un ambiente interessante, sempre diverso, in cui i cambi di intensità luminosa e di colore stimolano i sensi e la curiosità degli ospiti. Il TouchPanel Helvar, inserito in modo discreto ed elegante ai lati del bancone bar, è stato programmato per riprodurre scenari che prevedono un utilizzo combinato di LED e lampade alogene. È tuttavia possibile modificare in modo semplice scene alternative che coinvolgano solo le lampade alogene o solo i LED. Nel primo caso il TouchPanel viene utilizzato anche per variare l’intensità delle luci. Nel secondo caso si dà la scelta tra scene con tonalità di colori diverse o scene con effetti di luce dinamica. La flessibilità di programmazione del TouchPanel Helvar e la molteplicità degli scenari riproducibili si adattano perfettamente alla filosogia del DeisgnLibraryCafè, luogo in cui il pensiero è in continua evoluzione, proiettato sempre verso il futuro.
Il TouchPanel è un touch screen LCD a colori 3,5” ad alta risoluzione che gestisce e programma sistemi di controllo e gestione delle luce. Permette di impostare una molteplicità di scenari in automatico in base agli orari e di ripetere ciclicamente sequenze di scene. È inoltre possibile modificare in modo semplice la programmazione per adattarsi ad esigenze estemporanee. Facilità di installazione ed utilizzo si coniugano con dimensioni ridotte e una linea estremamente elegante che permette di integrare TouchPanel in qualsiasi tipo di ambiente. L’estetica è personalizzabile grazie a mascherine in varie finiture e a una vasta gamma di sfondi e pulsanti. Compatibile con la gamma Digidim e la gamma Imagine. Ricevitore a infrarossi integrato.

www.helvar.com

www.designlibrary.it

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico