Reggiani illumina il Nelson Mandela Memorial Museum

A pochi mesi dalla morte di Madiba, il soprannome con cui  veniva chiamato Nelson Mandela all’interno del suo clan di appartenenza, il ricordo del più grande politico sudafricano è più vivo che mai, anche grazie a un posto speciale: il Nelson Mandela Memorial Museum, a Soweto – Orlando West.

 

Per quanti vogliono visitare questo luogo carico di significati e che ripercorre le tappe fondamentali della vita e della prigionia del grande uomo politico, si troveranno di fronte a una casa composta da quattro stanze che raccolgono cimeli, fotografie e testimonianze della famiglia Mandela, con riconoscimenti e attestati provenienti da tutto il mondo, tra cui il Premio Nobel per la Pace.

 

La Casa di Mandela è stata dichiarata patrimonio e di proprietà del Soweto Heritage Trust, motivo per il quale lavori di ristrutturazione e miglioramento degli spazi sono attentamente studiati e richiedono perizie e studi minuziosi e puntuali.

 

Il Museo ospita al suo interno mostre ed esposizioni contemporanee e permanenti, una delle quali è stata illuminata da Reggiani. Su progetto dell’architetto Nabeel Essa dello Studio Office 24-7 e dell’artista Clive Van Der Berg dell’azienda di design sudafricana Trace sono stati installati apparecchi Envios di Reggiani.

 

Il progetto illuminotecnico è stato studiato su misura e realizzato mediante l’applicazione di binari elettrificati (sapientemente occultati all’interno delle travi di legno poste a soffitto), sui quali sono stati applicati proiettori orientabili Envios, dotati di ottiche intercambiabili IOS che permettono di determinare e indirizzare i singoli fasci luminosi in funzione dell’esigenza.

 

Tra le caratteristiche più rappresentative del prodotto, l’ottimizzazione dell’equilibrio estetico, la massima efficienza e la flessibilità determinata dall’ottica intercambiabile IOS (Interchangeable Optical System). Grazie infine alla separazione tra gruppo elettrico e gruppo ottico, si ottiene un’ottimizzazione dell’equilibrio estetico e della dissipazione termica consentendo una temperatura d’esercizio ottimale, a garanzia della massima efficienza e durata della sorgente luminosa.

 

Foto di Renelle Rampersad.

 

Per informazioni
www.reggiani.net

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico