Risparmio energetico, Actilume Wireless di Philips per il controllo sorgenti luminose

Philips presenta ActiLume Wireless 1-10V, il primo passo verso una soluzione di illuminazione a risparmio energetico controllabile e flessibile.


Actilume Wireless 1-10V, ultimo nato in casa ActiLume, è un sistema di controllo in grado di offrire un risparmio energetico fino al 70% e la massima praticità nel controllo delle sorgenti luminose per le applicazioni di illuminazione generale. L’elevato risparmio è frutto di una combinazione vincente tra tecnologia di rilevamento della presenza e luce diurna.

 

Trattandosi di un componente funzionante tramite rete wireless, ActiLume Wireless 1-10V è perfetto per l’installazione in apparecchi a sospensione o da terra, o in altre installazioni dove è difficile far arrivare altri cavi di controllo. Grazie ai vantaggi immediati offerti, è inoltre ideale per i progetti di ristrutturazione che prevedono un rinnovamento completo degli apparecchi di illuminazione.

 

ActiLume Wireless utilizza il sensore Actilume 1-10V e il reattore 1-10V ed è in grado di offrire diverse soluzioni con un’unica applicazione di illuminazione. Per la configurazione è sufficiente utilizzare un pratico telecomando che serve inoltre per impostare gli scenari. Dopo la configurazione e l’avviamento, il sistema funziona in modo interamente automatico garantendo autonomia nella personalizzazione ed elevati risparmi sul fronte dei consumi. Gli apparecchi wireless che integrano il sistema ActiLume Wireless interagiscono alla perfezione con i dispositivi della famiglia OccuSwitchWireless.
La rete wireless è basata sul protocollo Zigbee. La compatibilità verrà ampliata nell’ultimo trimestre del 2012 attraverso i sensori OccuSwitch Wireless, Wireless Corridor e Corner per la condivisione delle informazioni di presenza.

 

Actilume Wireless e gli altri prodotti della famiglia ActiLume sono già disponibili in commercio. Per ulteriori informazioni, www.philips.com/controls.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico