Smart lighting. Signify aggiorna la propria gamma di driver LED Sensor Ready

Signify  ha dotato il proprio portfolio di driver LED compatti Philips Xitanium Sensor Ready Xtreme,  per uso esterno, dello standard D4i. Inaugurato solo di recente, questo programma congiunto di certificazione si pone l’obiettivo di assicurare una standardizzazione sul mercato, promuovere una più ampia adozione della connettività IoT nel settore illuminotecnico e contribuire alla diffusione e realizzazione di città e progetti smart.

Questo nuovo standard semplifica notevolmente sia il passaggio all’illuminazione connessa sia l’installazione immediata di apparecchi Connect Ready con driver certificati D4i per poi passare alla connettività solo in un secondo momento.

Inoltre, entro il secondo trimestre del 2020, Signify si impegna ad aggiornare con il nuovo standard D4i anche l’intera gamma di driver Philips Xitanium Dimmable Sensor Ready per applicazioni indoor. Ciò consentirà la rapida adozione da parte del mercato di tecnologie finalizzate al risparmio energetico e una maggiore standardizzazione.

Promosso dalla Digital Illumination Interface Alliance (DiiA), le specifiche e le proprietà del nuovo standard D4i si concentrano su aspetti fondamentali come adattamento meccanico, comunicazione digitale, scambio di dati e requisiti di alimentazione. La validazione di questo nuovo certificato dimostra l’interoperabilità plug-and-play di apparecchi di illuminazione, sensori e nodi di comunicazione. Grazie a tutto ciò, i prodotti dotati dello standard D4i assicureranno la compatibilità di apparecchi LED intelligenti con la connettività IoT.

Oltre ad essere utile per i driver esterni, la certificazione D4i è rilevante anche per quelli interni. Infatti, rende possibile la standardizzazione degli apparecchi dotati di driver DALI integrato e definisce le modalità attraverso le quali archiviare e comunicare i dati tra i vari sistemi di illuminazione connessa. Inoltre, D4i amplia l’attuale programma DALI-2 con l’aggiunta di uno standard specifico per l’alimentazione ai dispositivi di controllo come i sensori (DALI 250). Infine, D4i uniforma il modo in cui i dati vengono memorizzati e riportati sui driver, comprese le informazioni sull’apparecchio (DALI 251), la misurazione dell’energia (DALI 252) e la diagnostica (DALI 253).

Questa elevata standardizzazione consente pertanto ai produttori di apparecchi di illuminazione di creare dispositivi luminosi che possono essere facilmente integrati nei sistemi di illuminazione connessa.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *