Strategia energetica nazionale, tra le priorità ridurre i consumi di elettricità

Nel corso della prossima settimana verrà reso pubblico un testo, non definitivo, relativo alla nuova Strategia energetica nazionale (Sen). Secondo le prime indiscrezioni, il documento dovrà contenere, tra le altre cose, l’impegno a tagliare i consumi energetici di energia elettrica. Anche i consumi termici e i trasporti dovranno essere ridotti. Il taglio dovrà essere del 4% rispetto al 2010 e del 24% rispetto all’andamento inerziale al 2020.

 

Le altre priorità sono:
ridurre le emissioni di gas serra del 19% rispetto ai livelli del 1990;
– sviluppare le fonti rinnovabili;
aumentare la produzione nazionale di idrocarburi fino a coprire il 14% dei consumi italiani entro il 2020 (attualmente siamo al 7%).

 

Il documento non sarà, appunto, quello definitivo, poichè dovrà essere sottoposto all’attenzione di istituzioni, parti sociali e addetti ai lavori. La speranza, ha riferito il Sottosegretario allo Sviluppo Economico De Vincenti che ha annunciato l’imminente arrivo del testo, è quella di “arrivare a condividere se non tutte le ricette, le conoscenze di fondo e l’impostazione”. L’annuncio è stato dato nel corso di un convegno sulle reti energetiche organizzato dalla Cgil e segue la pubblicazione delle anticipazioni sulla bozza del provvedimento, che potete leggere su Ediltecnico.it in Nuova strategia nazionale per l’energia, 180 miliardi di investimenti.

 

Le misure della Strategia energetica nazionale dovrebbero generare, secondo quanto previsto dal Governo, circa 180 miliardi di investimenti al 2020, creare 25.000 nuovi posti di lavoro, fare in modo che venga importata meno energia in modo da risparmiare, come sistema Italia, circa 5 miliardi ogni anno.

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico