Usće Shopping Center a Belgrado. Attrazione magnetica

Il nuovissimo Ušće Shopping Center di Belgrado è il più grande centro commerciale della Serbia ed è più che un mero tempio del consumo. La sua facciata color rosso acceso trasmette chiaramente il segnale di una voglia di crescita incontenibile. Rosso sta per forza e per l’energia che sa trasmettere l’edificio, sorto in un’area colpita duramente nel 1999 da un attacco della NATO.

L’ensemble, formato da Ušće Tower e Ušće Shopping Center, è visibile già da lontano. Diverse decine di migliaia di visitatori passano ogni giorno tra le 10 e le 22 attraverso i tre ingressi dell’edificio. All’interno si potrebbero trascorrere intere giornate per vedere, provare o visitare tutto. Oltre 140 shop di tutti prestigiosi marchi e firme di moda, numerosi café e ristoranti, un cinema multiplex con 11 sale, bowling e sale da gioco e, non da ultimo, un supermercato di 4.000 mq di superficie, rivaleggiano tra loro per conquistarsi il favore del pubblico. È un mondo a sé, ci si può trovare di tutto e non si ha nessuna chance di sottrarsi alla seduzione dello shopping.

 

Il pensiero che il commercio avrebbe potuto essere l’unico obiettivo di questo ambizioso progetto costato poi 150 milioni di euro non convinceva completamente i due investitori che già durante le prime fasi della progettazione volevano ottenere qualcosa di più distintivo per la città di Belgrado, qualcosa che trascendesse la semplice idea di Shopping Center. MPC Holding e Meryll Lynch decidono cosi di incaricare il rinomato studio di architettura Chapman Taylor Architetti di Milano, per la progettazione della facciata e l’allestimento degli spazi interni. Lo studio aveva già dimostrato in diversi progetti in Italia e all’estero come l’anima commerciale e lo spirito architettonico si potessero riunire felicemente in un tutt’uno. L’architetto Gerardo Sannella, associate director e responsabile del progetto, non vede in questo dualismo necessariamente una contraddizione. “Disegnare un’architettura che sia bella, funzionale e di carattere, senza perdere di vista l’aspetto commerciale, è una specialità del nostro studio alla quale da anni ci dedichiamo con passione, ben sapendo che ogni intervento d’architettura oggi ha una portata commerciale perfino le istituzioni museali”.

 

L’architettura dell’Ušće vive di forti contrasti. La possente e dinamica facciata “rosso Ferrari” attira i visitatori all’interno, mentre l’ambientazione chiara, luminosa e tranquilla fa in modo che vi si intrattengano piacevolmente all’interno. Tonalità naturali riposano l’occhio e garantiscono uno spazio neutro per l’allestimento dei punti vendita e delle attrazioni principali. “Il nostro compito era quello di creare una cornice per i diversi negozi, quindi abbiamo lavorato molto con il bianco e le tonalità chiare: tutta l’attenzione è rivolta così all’offerta dei settori vendita e food”, dice l’arch. Sannella.

 

Il contrasto avvincente fra esterno e interno si estende anche alla progettazione illuminotecnica a carico dello studio Voltaire Light Design di Milano e per la parte impiantistica dello studio BDSP di Belgrado. Mentre la facciata dello Shopping Center viene illuminata da sorgenti luminose a forte emissione, all’interno le lampade di Zumtobel hanno accenti più soft. Ampi lucernai sovrastano le gallerie, che sono distribuite in tre “navate” e quattro piani. Lì la luce diurna viene sostituita nelle ore serali dalla combinazione di faretti Xeno e proiettori Miros, che danno luce morbida verso il basso. Soffitti sospesi, nicchie e sporgenze sono tenuti assieme da un’illuminazione organizzata secondo disegni lineari e razionali tramite file continue. Porzioni di soffitto con un’illuminazione più riposante si alternano ad ambiti più vivaci e dinamici. I soffitti luminosi emanano una luce chiara e calda, a completamento dei faretti Downlights integrati nei soffitti che consentono di gestire una luce più puntuale guidando il visitatore verso le vetrine dei negozi. Sottili linee luminose disegnano un barcode ricavato in negativo nelle ampie superfici . La gran parte degli apparecchi usati permette di regolare l’intensità della luce consentendo di ottenere effetti piacevoli e riposanti per l’occhio dell’osservatore, piuttosto che avere una luce di intensità costante e perciò monotona. Tale forma di controllo generale dell’intensità illuminante avviene tramite il sistema di gestione luce Luxmate professional.

 

Nel progetto di Usce, architettura e luce sono perfettamente armonizzate fra loro, si completano in maniera unica. “Le nostre scelte non sono tanto ricadute sulla selezione e l’allestimento di singoli corpi specifici – per quanto altamente performanti – quanto piuttosto su una filosofia della luce come esaltatore di spazi architettonici, e Zumtobel in questo ha saputo interpretare alla perfezione il nostro approccio”. Per l’architetto Sannella si tratta non solo di un compito da portare a termine con competenza scientifica, ma di una filosofia: “la realizzazione perfetta di architettura e luce consiste nel rendere la luce invisibile ma allo stesso tempo percepibile, e far sembrare naturale la luce artificiale: questa è la vera arte”.

 

Altre immagini del progetto

La facciata rosso acceso del nuovo Shopping Center attira gli sguardi e suscita curiosità

Nell’allestimento degli spazi si è voluto esaltare una percezione unitaria dell’insieme: l’interazione di colori, forme, luce e spazio

Nelle gallerie di negozi la luce diurna viene sostituita nelle ore serali dalla luce morbida artificiale dei faretti Xeno e dei proiettori Miros

File continue danno gli accenti

Sottili file continue donano varietà nelle lunghe gallerie

Nella loro disposizione le file ricordano un barcode e richiamando il tema dello shopping

Oltre ai 140 negozi, fanno parte del progetto dello Shopping Center anche numerosi café e ristoranti. Con un’illuminazione piacevole ci si può rilassare nel migliore dei modi

 

SCHEDA PROGETTO

Committente
Ušće Shopping Center d.o.o, Belgrado, Serbia

Architettura
Chapman Taylor Architetti S.r.l, Milano

Progettazione illuminotecnica e design
Voltaire Light Design, Milano

Progettazione impianto elettrico
BDSP YU d.o.o, Belgrado, Serbia

Soluzione per l’illuminazione
Soffitto luminoso e linee luminose Slotlight II, Downlights Panos Q e Panos M, faretti Xeno e proiettori Miros, sistema di file continue Tecton-Tetris, illuminazione di sicurezza Resclite e Onlite SB 128, sistema di gestione luce Luxmate Professional

 

Per ulteriori informazioni:
www.zumtobel.com

 

 

Nell’immagine di apertura, gli spazi interni allestiti da Chapman Taylor dovranno intrattenere piacevolmente i visitatori, anche indipendentemente dal puro utilizzo commerciale

Scritto da

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News dal Network Tecnico